Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

sabato 10 aprile 2010

Come vengono falsate le notizie...

Alcuni giorni fa sul forum de Il Messaggero, quotidiano di Roma, un utente "denunciava" la mancanza di democrazia di Israele per presunte violazioni della libertà di parola.
Secondo il personaggio in questione, un giornalista di Haaretz, uno dei giornali meno letti nel paese ebraico ma stranamente più considerati all'estero (forse perchè è un giornale di sinistra e di opposizione.... stile Repubblica per intenderci), era stato costretto a rifugirasi a Londra e a non far più ritrono in Israele pena l'arresto.
Il forumista in questione ha vigliaccamente omesso di riportare tutta la notizia che è invece possibile leggere sui siti dei giornali israeliani quali per esempio il Jerusalem Post.
Il giornalista di Haaretz, Uri Balu, aveva pubblicato degli articoli basandosi su informazioni riservate che aveva ricevuto da Anat Kamm, una soldatessa che durante il suo servizio militare aveva provveduto a fare copie di centinaia di documenti top secret.
La ex soldatessa è attualmente agli arresti domiciliari per spionaggio (non è stata nè impiccata ad un palo della luce a Tel Aviv, ne torturata e nè data alle fiamme con un copertone addossso come invece usano fare i palestiensi nei confronti dei presunti "collaborazionisti" con Israele) e il giornalista vive a Londra da dicembre.

Come sempre le notizie vengono stomachevolmente stravolte ad uso e consumo dei denigratori di Israele.

Per maggiori dettagli consultate

Nessun commento:

Posta un commento