Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

venerdì 4 giugno 2010

La verità massacrata

Di Cori Chascione

Lunedì scorso gli “attivisti” della flottiglia di Gaza hanno usato una violenza brutale travestendola da pace. Ma una porzione preoccupante del resto del mondo ha etichettato quei fatti come un “massacro” e un’atrocità commessa dalle Forze di Difesa israeliane.
Eppure i fatti sono semplici e chiari. Le Forze di Difesa israeliane hanno avvertito quelli a bordo della nave Marmara che la loro presenza in quell’area non era gradita, in conformità con il diritto internazionale. Le forze armate hanno proposto alla flottiglia di fare rotta tranquillamente, con tutto il carico di aiuti umanitari, verso un altro porto. Ma la flottiglia è andata avanti e le forze israeliane sono salite a bordo della nave, come avrebbe fatto qualunque marina di fronte a questa situazione. I soldati della marina sono stati accolti con spranghe di ferro, mazze da baseball e pugnali. La violenza è documentata da vari filmati, ampiamente circolati in internet. A bordo, i soldati hanno trovato armi, non poster e volantini, insieme a gente che invocava la pace ma intanto li aggrediva senza pietà. A quel punto i soldati si sono difesi, colpendo in risposta coloro che li attaccavano.
Questi i fatti nudi e crudi. In effetti non c’è molto da discutere. Cercare di violare un blocco navale significa tirarsi addosso l’intervento della marina militare. Scatenare violenze del tutto a freddo significa tirarsi addosso una reazione difensiva. Che c’è da discutere? La flottiglia diretta a Gaza ha mentito spudoratamente, e ha disonorato quella “pace” che tanti in Medio Oriente desiderano davvero con tutto il cuore. Lo provano i filmati, che tutti possono vedere e ascoltare.
Il vero problema in ballo, qui, è il rifiuto – fra gli altri – dei mass-media globali di cogliere e analizzare la realtà in questa parte del mondo. La realtà è che Israele è stato ed è attaccato su vari fronti e con vari mezzi: razzi, missili, esplosivi, navi e così via. Per fortuna le Forze di Difesa israeliane sono un esercito competente, con soldati capaci di rispondere in modo appropriato allo scopo di difendere il loro paese. Ma quando i soldati israeliani difendono se stessi e la loro gente, i mass-media usano il bilancio delle vittime per accusare Israele di uso eccessivo della forza o di commettere “massacri”. Ma il bilancio delle vittime non la racconta intera. Basta guardare i video per capirlo.
Purtroppo la reazione globale mette in evidenza l’approccio illusorio che tanta parte del mondo assume in questo momento, quando si tratta della nostra regione. Ma l’unico massacro che è davvero avvenuto lunedì è il brutale massacro della verità. Finché i cosiddetti pacifisti faranno la guerra alla pace e alla verità, e finché il mondo continuerà a cascarci, la pace resterà irraggiungibile.
(Da: YnetNews, 1.6.10)

2 commenti:

  1. cazzate...pure cazzate...le uniche armi trovate erano fionde con le biglie e sbranche, pugnali e cazzate varie è una vostra invenzione come altre mille invenzioni che avete fatto er giustificare il massacro quotidiano che fate in una terra che non vi appartiene e che da 60 anni avete occupato....israele ha fatto 9 morti..

    voi non parlate mai dei morti che fate, come se la vita degli altri non conti niente

    bella questa, loro erano pieni di armi e voi avete fatto 9 morti, però avete pure ragione

    che schifo

    RispondiElimina
  2. si si... hai ragione... sono cazzate... ci siamo inventati tutto. I soldati si sono presi a bastonate da soli. E così già che c'erano si sono pure accoltellati e rotti gambe e braccia!
    Non c'erano bastoni, asce, pugnali.. Non c'erano bombe incendiarie (quelle che si vedono esplodere sui gommoni israeliani sono in realtà fuochi d'artificio di benvenuto....
    Così come i soldati feriti e fotografati dai pacifinti del cazzo in realtà non sono feriti ma stanno partecipando a una festa mascherata a tema horror!
    Ma piantala sei patetico! Difendi l'indifendibile....
    Apri gli occhi e sgombra la mente dall'antisemitismo!

    VIVA ISRAELE!

    RispondiElimina