Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

giovedì 10 giugno 2010

Leader islamico turco: un errore portare aiuti a Gaza senza l’ok di Israele

ANKARA, 4 giu. – Una voce, in Turchia, si scaglia contro la Mavi Marmara, la nave turca che trasportava aiuti umanitari a Gaza e che lunedi’ mattina e’ stata assaltata dalla Marina israeliana. E’ quella di Fethullah Gulen, leader di uno dei piu’ influenti movimenti islamici in Turchia, che ha criticato la decisione di trasportare beni per la popolazione di Gaza senza il consenso di Israele.
Citato da ‘The Wall Street Journal’, Gulen ha detto che ”quello che ho visto non era bello. Era orribile”. Secondo Gulen, il fatto che gli organizzatori della ‘Freedom Flotilla’ non abbiano trovato un accordo con Israele prima di trasportare gli aiuti ”e’ un segno di sfida nei confronti delle autorita’ e non portera’ risultati fruttuosi”.
(Fonte: Adnkronos, 4 giugno 2010)

Nessun commento:

Posta un commento