Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

giovedì 18 agosto 2011

PALESTINESI=ASSASSINI!


Un massacro! Ecco cosa sono stati capaci di fare oggi i palestinesi!
Hanno organizzato una serie di micidiali attentati nel sud di Israele, lungo il confine con la Giordania e l'Egitto e nei pressi di Eilat.
Ecco la cronaca di quanto accaduto attraversogli articoli dei quotidiani israeliani

Attentato terrorista multiplo, giovedì, contro il sud di Israele: almeno sette persone uccise, trenta i feriti, alcuni in condizioni critiche.
Nel primo attacco un commando di almeno tre terroristi, a quanto pare con addosso divise militari blu (egiziane), ha teso un’imboscata a raffiche di mitra contro un autobus della linea 392 in viaggio da Beersheva (capoluogo del Negev israeliano) a Eilat (nell’estremo sud del paese, sulla costa del Mar Rosso). L’attacco, che ha avuto luogo sulla Strada 12, una ventina di km a nord di Eilat, presso l’incrocio di Ein Netafim, ha causato almeno una dozzina di feriti, di cui diversi in gravi condizioni. I feriti sono stati trasportati d’urgenza con ambulanze ed elicotteri agli ospedali Yoseftal di Eilat e Soroka di Beersheva. Pochi minuti dopo, giungeva notizia di un secondo attacco nella stessa regione, con armi da fuoco e lancia-granate contro un autobus e un’auto privata: sette le persone ferite, alcune mortalmente. Secondo il portavoce delle Forze di Difesa israeliane, fra le vittime vi sarebbero anche dei soldati.Un terzo attentato verso l’una del pomeriggio vedeva all’opera diversi ordigni esplosivi e lanci di razzi contro unità delle Forze di Difesa israeliane in servizio di pattuglia lungo il confine fra Israele ed Egitto.Poco dopo, militari israeliani ingaggiavano uno scontro a fuoco con un gruppo di terroristi, uccidendone tre o quattro.Tutte le strade verso Eilat sono state temporaneamente chiuse al traffico. Chiuso anche l’aeroporto di Ovda, mentre le forze di sicurezza si sono lanciate alla ricerca dei responsabili in tutta la zona.Secondo fonti della difesa, almeno parte degli attacchi sarebbero stati portati dal versante egiziano della frontiera. Un funzionario della sicurezza egiziana ha sostenuto invece che tutti gli attacchi si sarebbero svolti all’interno dei confini d’Israele. Nei giorni scorsi le autorità israeliane avevano espresso la preoccupazione che gruppi di terroristi nel Sinai potessero sfruttare il vuoto seguito dalla destituzione del presidente egiziano Hosni Mubarak nel febbraio scorso."Agiremo contro l'origine degli attentati con tutta la forza e la determinazione", ha affermato il ministro della difesa, Ehud Barak.Secondo la testimonianza di diversi passeggeri, Benny Belevsky, 60 anni, l’autista dell’autobus Egged n. 392 attaccato dai terroristi, ha evitato un esito ancora più grave agendo immediatamente con molto sangue freddo. Belevsky ha continuato a guidare sotto la pioggia di proiettili ed ha accelerato cercando di portare in salvo il mezzo, pieno di passeggeri, mentre alcuni soldati a bordo cercavano di rispondere al fuoco e del personale sanitario iniziava subito a prendersi cura dei feriti.Parlando ai giornalisti giovedì pomeriggio, il comandante della zona sud delle Forze di Difesa israeliane, gen. Tal Russo, ha riepilogato la dinamica degli attentati, costati la vita a sei civili e un militare israeliano. Tre terroristi armati di cariche esplosive, armi automatiche e granate sono penetrati in Israele dal Sinai, si sono sparpagliati su un raggio di 300 metri e hanno iniziato a sparare sul primo autobus. Poi hanno sparato su un’auto privata e su un secondo autobus. Più tardi un attentatore suicida si è fatto esplodere e un altro terrorista apriva il fuoco sui militari sopraggiunti sul luogo degli attentati. Due terroristi sono stati eliminati dalle forze israeliane, e sembra che altri due siano stati intercettati e uccisi da forze egiziane sull’altro versante della frontiera. Successivamente i militari israeliani hanno rinvenuto cariche esplosive disseminate sul terreno. Uno degli attacchi ha avuto luogo nei pressi di un posto di controllo egiziano.Paskal Avrahami, 49 anni, ufficiale di un'unità anti-terrorismo della polizia israeliana, è rimasto ucciso giovedì pomeriggio quando dei terroristi da oltre confine hanno aperto il fuoco su agenti e militari impegnati nelle operazioni di pattugliamento nella zona degli attentati avvenuti poche ore prima, nel sud del paese. La sua morte porta a otto il bilancio degli israeliani morti nella serie di attacchi terroristici di giovedì.
(Da:YnetNews, Jerusalem Post, Ha'aretz; 18.8.11)

4 commenti:

  1. libertàperglioppressi13 ottobre 2011 18:34

    FATE SCHIFO,SIETE PEGGIO DEI NAZISTI,VERGOGNATEVI!!!

    RispondiElimina
  2. Non capisco il senso del tuo commento: questo è un articolo che descrive uno dei soliti tanti e troppi attentati terroristici palestinesi ai danni di inermi civili israeliani... Presumo quindi che gli schifosi peggio dei nazisti siano quei bastardi dei palestinesi... Giusto???

    RispondiElimina
  3. Chi scrive in questo sito è proprio ignorante come una bestia..basta leggere un qualsiasi libro di storia per capire come hanno ridotto a vivere i palestinesi...ai palestinesi servirebbe un Hitler..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco un altro illuminato professore. Dunque io sono ignorante come una bestia... e sulla base di cosa fai questa affermazione? Basta elggere un qualsiasi libro di storia per sapere che la risoluzione ONU del novembre 1947 stabiliva la divisione dei territori dell'ex impero ottomano in due stati uno arabo e uno ebraico. Dagli stessi libri apprenderesti che gli ebrei accettarono questa risoluzione e proclamarono il loro stato nel maggio del 1948 mentre gli arabi la respinsero e dichiararono guerra convinti di sterminare tutti gli ebrei in poco tempo.
      Tu ti auguri quindi una nuova Shoah perchè secondo, te nazista schifoso che non sei altro, gli ebrei andrebbero sterminati tutti????
      Ti do una notizia in anteprima, un nuovo hitler non farebbe neanche in tempo a dire a questa volta! Gli ebreio hanno smesso di essere indifesi! ORA SI DIFENDONO E DIFENDONO IL LORO PAESE!

      Elimina