Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 9 ottobre 2011

9 ottobre 1982: la strage di Roma ad "opera" dei palestinesi

Oggi ricorre il 29° anniversario della strage di Roma durante la quale perse la vita un bambino di due anni Stefano Gay Tachè.
Per chi non sa, o peggio non ricorda, ecco cosa accadde quel triste giorno:  la comunità ebraica romana si era ritrovata nella sinagoga per la cerimonia di "Shemini’ Atzeret, che poneva fine alla festa di Succoth. C'erano tanti bambini come sempre e all'uscita dalla funzione religiosa un commando di terroristi palestinesi lanciò diverse bombe a frammentazione e sparò con i mitra contro quelle persone. Stefano di soli due anni morì a causa della bomba e suo fratello Gadiel di quattro anni subì innumerevoli ferite e ancora oggi ha il corpo pieno di schegge. Oltre a loro altre 37 persone rimasero gravemente ferite.
L'attentato avveniva al termine di una ripugnante campagna di odio antisemita promossa dalla sinistra che pochi giorni prima aveva fatto si che le massime cariche dello stato e lo stesso pontefice accogliessero come un eroe quel macellaio assassino di Arafat.
Solo in seguito si scoprirà che lo stato italiano aveva letteralemente venduto la comunità ebraica romana ai terroristi palestinesi in cambio di una sorta di immunità territoriale: la vita degli ebrei poteva essere sacrificata senza problemi in nome dei "patti" con i terroristi!
La vigilanza del quartiere ebraico era stata tolta: le camionette di polizia e carabinieri che solitamente presidiavano gli accessi erano state rimosse: i terroristi avevano la strada libera proprio grazie allo stato italiano. Non solo: quattro dei terroristi che avevano perpetrato la strage vennero fermati e poi rilasciati, un quarto invece venne arrestato in Grecia ma estradato in Libia. Nessuno di loro ha mai pagato per quell'eccidio!
Nessuno di loro ha mai chiesto perdono per la morte di un bimbo di due anni!
Con Stefanino nel cuore!
Con Israele!
SEMPRE!

4 commenti:

  1. Infami assassini della Dc, PCI, PSi e sindacati, complici degli assassini dell'OLP. Voi infami siete gli stessi che adesso chiedete lo stato palestinese per continuare la strage degli ebrei.

    Caro fratello Stefano, questo e' garantito nulla restera' impunito!!! Infami intellettuali di destra e di sinistra, che dei palestinesi non ve ne frega niente, ma che siete antisemiti fino al midollo.Ipocriti e falsi come giuda, odaitori professionali di Israele, con Stefano ve lo gridiamo in coro! Pagherete caro , pagherete tutto!!
    Stefano e' vivo!!
    Viva Israele!!!
    M77

    RispondiElimina
  2. Pertini voleva andare al funerale di Stefano, per fortuna che il rabbino capo di Roma lo dissuase: c'era una rabbia tra gli ebrei romani che poteva degenerare e non era giusto dissacrare un giorno di lutto con le proteste. I politucoli italiani vollero la strage, fecero i loro sposchi conti da bottegai e decisero che si, poteva andar bene che morisse qualche ebreo per far vedere a quel bastardo di arraffatt (che il demonio se lo tenga stretto) che ci si poteva fidare dell'Italia... Ricordo anche la vergognosa manifestazione della cgil di pochi giorni prima, con tanto di bara depositata davanti alla Sinagoga... che schifo di persone erano mai quelle?

    RispondiElimina
  3. Vollero? Fecero? Decisero? Sei sicuro che si possa usare un tempo passato?

    RispondiElimina
  4. No Barbara, in effetti non si può usare il tempo passato... purtroppo. Questi orrori sono ancora attuali. Troppa gente è pronta di nuovo a "sacrificare" gli ebrei in nome di non si sa bene quale vantaggio....
    SEMPRE CON ISRAELE!

    RispondiElimina