Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 13 novembre 2011

Salvata la vita di una donna iraniana, da Israele via e-mail

Di Judy Siegel-Itzkovich
I leader dell’Iran vedranno anche in Israele un Satana da distruggere magari con armi nucleari, ma la medicina israeliana è considerata eccellente da alcuni medici iraniani, tra cui uno che ha consultato un medico del Kaplan Medical Center (a Rehovot, in Israele), scongiurando in questo modo delle complicazioni che avrebbero messo a rischio la vita di una donna incinta.
Il dottor Adi Weissbuch, dell’unità per le gravidanze a rischio all’ospedale di Rehovot, è stato recentemente contattato con urgenza via e-mail da una dottoressa di un ospedale universitario iraniano, che si è identificata come "N.N.". Aveva letto un esauriente articolo pubblicato su una rivista medica, in cui Weissbuch scriveva di una rara complicazione genetica della gravidanza e forniva in calce il proprio indirizzo e-mail.
Il consulto era urgente, scriveva la dottoressa iraniana, perché secondo la legge islamica l’aborto è proibito dopo la 18esima settimana di gravidanza, e la sua paziente era già nella 16esima settimana. "N.N." mandava al medico israeliano una copia dei risultati di laboratorio chiedendo la sua opinione.
Weissbuch ha risposto che, sulla base dei dati, c’erano poche probabilità che la donna potesse avere un bambino sano, e che partorire avrebbe messo in pericolo la sua vita. Il medico di Rehovot aveva discusso un caso molto simile nel suo articolo sulla rivista. Dopo aver ricevuto l’informazione, il medico iraniano ha consigliato alla donna di abortire immediatamente, e lei l'ha fatto.
Weissbuch dice d’aver ricevuto numerose richieste di ausilio medico via e-mail da varie parti del mondo, ma che questa è la prima volta che ne arriva una dall’Iran. “Per me come medico – ci dice – prendersi cura dei pazienti non risponde a nazionalità, sesso o religione. Siamo moralmente impegnati a provvedere le cure appropriate e a consigliare chiunque ne abbia bisogno. Da parte mia, naturalmente, tutta la mia corrispondenza con la dottoressa iraniana riportava ‘Stato di Israele’ sotto il mio nome, ma lei non si è fatta dissuadere da questo fatto”.

(Da: Jerusalem Post, 07.11.12)

Nessun commento:

Posta un commento