Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 1 gennaio 2012

Il sito antisemita Holy War scheda i volti della Comunità ebraica : «Cupola mafiosa»

di Alessia Rastelli

Roma, 23 Dicembre 2011 – Maurizio Molinari, Ariel David, Donatella Di Cesare, Stefano Gatti, Angelo Pezzana, Claudia De Benedetti, Fabio Perugia, Jonathan Pacifici, Pierpaolo Pinhas Punturello. Ovvero nove membri della Comunità Ebraica, i cui volti sono finiti sul sito antisemita Holy War, schedati come «i nazisti-ebrei membri della cupola mafiosa ebraica italiana». Un attacco che prosegue nelle righe sottostanti: «Questi “schiavi di satana” vogliono la distruzione della Chiesa Cattolica ma noi lotteremo contro tutte le forze del male che la assalgono, questo è il nostro compito. GUERRA SANTA». Le foto sono state prelevate direttamente dal portale della Comunità Ebraica di Roma, che ha subito pubblicato un post per condannare l’episodio e ha annunciato la denuncia alla polizia postale.

IL SITO – «Periodicamente» Holy War «stila liste di proscrizione antiebraiche, diffonde poster antisemiti e persino “dossier” contro il nemico di turno» denuncia il post di risposta. Un anno fa, il Centro di documentazione ebraica contemporanea (Cdec), lo aveva annoverato tra i siti antiebraici cosiddetti «principali», ovvero che contengono i materiali più aggressivi. Ma Holy War non è un caso isolato. Sempre nel dicembre 2010, nell’ambito della relazione quadriennale sull’antisemitismo nel nostro Paese, il Cdec aveva lanciato l’allarme a proposito del web: secondo lo studio, i siti internet italiani con significativi contenuti antiebraici sono raddoppiati tra il 2007 e il 2010 rispetto ai quattro anni precedenti.

L’ALLARME – «L’episodio è solo l’ultimo segno di una pericolosa escalation» dice al telefono con Corriere.it Giacomo Kahn, direttore del mensile ebraico «Shalom». «Solo un paio di settimane fa – aggiunge – esponenti dell’organizzazione di estrema destra Militia sono stati arrestati con l’accusa, tra l’altro, di azioni contro la comunità ebraica romana e il suo presidente Pacifici». Kahn richiama l’attenzione anche su «un più generale clima di intolleranza», citando ad esempio l’episodio dei senegalesi uccisi a Firenze. «I periodi di crisi portano sempre con sé una pericolosa tendenza ad accanirsi contro le minoranze. Bisogna fare attenzione» avverte. «Da parte nostra – annuncia – dedicheremo l’intero numero di gennaio di “Shalom”, l’edizione che celebra anche la Giornata della memoria, il 27, alla lotta contro il negazionismo».

Corriere.it

Nessun commento:

Posta un commento