Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

martedì 10 gennaio 2012

Israele: sventati due attentati

Gerusalemme, 4 Gennaio 2012 – Due attentati orditi da terroristi palestinesi sono stati sventati dalla polizia israeliana con la collaborazione dello Shin Bet (Israel Security Agency). Due uomini palestinesi sono stati arrestati con l’accusa di organizzare attentati in Israele.
Il primo palestinese arrestato proveniva da Jenin ed è stato arrestato in un appartamento di Beersheba dove si nascondeva in attesa di passare all’azione. Il suo piano era semplice: andare per strada e accoltellare quanti più passanti israeliani incontrava senza distinzione tra adulti e bambini. Lo ha ammesso lui stesso nell’interrogatorio seguito alla sua cattura.
Il secondo palestinese proveniva invece da Gaza ed è stato arrestato ad un checkpoint a nord di Beersheba mentre cercava di introdursi in Israele con l’intento di compiere attentati. L’uomo era stato segnalato alla polizia dallo Shin Bet che aveva appreso le sue intenzioni che prevedevano quasi certamente un attacco suicida. L’uomo è attualmente sotto interrogatorio non siamo quindi in grado di confermare quando e come avesse pianificato i suoi attacchi né se ci sono legami con il primo palestinese arrestato.
L’attenzione della polizia israeliana resta comunque ai massimi livelli. Lo Shin Bet ha fatto sapere infatti che prevedono diversi tentativi di infiltrazione in Israele. Alcuni informatori dei servizi di sicurezza hanno infatti fatto sapere che da Gaza sarebbero pronte diverse squadre della morte pronte a entrare in azione in qualsiasi momento. L’attenzione è focalizzata sia lungo il confine con Gaza che lungo quello con l’Egitto da dove si teme possano partire i prossimi attacchi.

4 commenti:

  1. Sbagliato arrestarli, bisogna eliminarli!
    M77

    RispondiElimina
  2. Ci saranno tanti pacifinti che come sempre difenderanno i pazzi palestinesi..io difendo i miei fratelli maggiori di Israele, sempre e incondizionatamente. Tra l'altro ho scoperto con mio enorme orgoglio,di avere antenati ebrei. Quindi,il mio sostegno e' totale. Complimentissimi per il blog. Shalom!

    RispondiElimina
  3. Ben detto Cris e grazie per il tuo sostegno e per le tue parole. Shalom

    RispondiElimina
  4. Non si ammazzano Israeliani innocenti ,son brave persone.Non capiscono sti palestinesi che trattando e disarmadosi potrebbero vivere tranquillamente in pace con Israele.Avrebbero solo da guadagnarci.Gli arabi israeliani "col piffero" vogliono tornare nel "paradiso islamico".Se NE GUARDANO BENE!E' hamas che non vuole la pace, opprime la sua stessa gente.
    Hamas è cultura di morte,Israele è cultura di pace.Per gli ebrei la vita è sacra per i maomettani è insignificante.Vi rendete conto che ISRAELE è il baluardo della civilta' in terre violente.Bisogna appoggiarlo sempre e dovunque.Credo che fra un po' lo scontro tra l' occidente e l' Iran sia inevitabile. Il nano di Theran è come Hitler.

    Ciao viva!
    Forza Israele!
    Federico

    RispondiElimina