Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 15 gennaio 2012

Roma: rimosse e rubate le "pietre d'inciampo", dedicate alle vittime della Shoah

Roma, 12 Gennaio 2012 – A denunciare l’accaduto è Adachiara Zevi, curatrice del progetto “Pietre d’inciampo a Roma”. Le “Pietre di inciampo“, realizzate in ottone per un valore di 100 euro, sono state collocate a terra il 10 gennaio scorso dall’artista tedesco Gunter Demnig in ricordo delle vittime dell’Olocausto. Sulla superficie superiore sono impressi i nomi, le date di nascita e di morte e il luogo di deportazione delle vittime del nazifascismo. “E’ un furto oltraggioso – afferma la Zevi -, sicuramente premeditato perché chi lo ha compiuto di certo aveva con sé i sampietrini normali con cui sostituire quelli in ottone. E’ un episodio incredibile”. Unanime la condanna del gesto da parte del mondo politico e della società civile.
“Un gesto vergognoso – ha commentato il sindaco di Roma Gianni Alemanno – Simili comportamenti vanno condannati con assoluta fermezza. Roma, città simbolo della lotta di liberazione e dei valori di civiltà, libertà e democrazia, non merita di essere sfregiata in questo modo”. Mentre il presidente della Provincia Nicola Zingaretti ha dichiarato: “A Roma di nuovo un atto ignobile e vergognoso contro la memoria e il nostro passato. Mi domando cosa stia succedendo nella nostra città dove ogni giorno registriamo atti violenti e incivili. E’ necessario che Roma recuperi quel senso di solidarietà, tolleranza e di convivenza civile e sociale che sembra aver smarrito”.
“Ancora una volta siamo testimoni di un gesto odioso che condanniamo fermamente”. E’ quanto dichiara la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini. “Questi ignobili fatti non fanno che rafforzare il nostro impegno perché la memoria dell’Olocausto sia più viva e più condivisa che mai. Mi auguro che quanto prima vengano individuati i responsabili di questo atto vergognoso”.

Repubblica.it

3 commenti:

  1. Inutile dire quanto sia disgustoso questo vile atto che infanga la memoria di chi è morto per colpa della più grande tragedia della storia. Mai dimenticare!

    RispondiElimina
  2. Un altro hitler è quel tizio di Theran!Bisogna fermarlo.
    Non capisco cosa di male hanno fatto gli Israeliani.Vogliono solo vivere in pace e non capisco per quale ragione non gli si vuole concedere questo sacro santo diritto.
    Ho visitato alcuni campi di sterminio e vi assicuro che non è un bel vedere.Gli ebrei sono stati massacrati ingiustamente.Questi che hanno rimosso questo indelebile ricordo dell' olocausto altro non sono che assassini e vigliacchi.
    Ciao viva
    Federico

    RispondiElimina
  3. Cazzarola ho visto il film su RAI1 su Anna Frank morale:
    1)Mia moglie piangeva nel vedere quelle povere persone nei campi violentate,umiliate,uccise da una cultura di morte e razzismo
    2)la figlia l' ho spedita a letto,ma quando sara' piu' grande gli parlero' della shoah
    3)Io mi immaginavo il dolore di quelle povere famiglie straziate.
    Non si deve tollerare mai piu' l' antisemitismo.Arresto per chi lo nega!
    Ho visitato un campo di sterminio mentre con il mio capo eravamo in trasferta per lavoro in Polonia...cazzo raccapricciante!..Siamo rimasti scossi.Il giro del campo era fatto nello stesso modo con cui gli internati lo compivano all' arrivo...donne,vecchi...bimbi...camere a gas..forni..paralumi di pelle..
    Hamas è l' equivalente dei nazisti..Terroristi vigliacchi che uccidono gente inerme..come le SS dei campi..Ricordo quando alle superiori un sopravvissuta di Bergen Belsen venne a parlarci..Diceva di dobermann addestrati a mangiare i testicoli degli internati...che orrore..
    Forza Israele.. Mai piu'!!
    Avete tutto il diritto di vivere in pace,nelle vostre terre difendervi come meglio credete,prosperare.
    La memoria storica va conservata.
    Dimenticavo Gesu' era ebreo!
    Per noi cattolici gli israeliani sono i fratelli maggiori.
    Ciao viva
    Federico

    RispondiElimina