Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

venerdì 6 aprile 2012

Israele, unica isola che protegge i cristiani in Medio Oriente

Di Michael Oren
La Basilica di Betlemme è sopravvissuta più di mille anni attraverso guerre e conquiste, ma il suo futuro in quel momento appariva in pericolo. Sulle sue antiche mura erano state vergate con la vernice a spruzzo le lettere arabe della parola HAMAS. Correva l’anno 1994 e la città stava per passare dal controllo israeliano a quello palestinese. In qualità di consigliere del governo israeliano, mi incontravo con i sacerdoti della Basilica su questioni inter-religiose. Erano sconfortati, ma anche troppo spaventati per sporgere denuncia. Gli stessi teppisti di Hamas che aveva profanato il loro santuario avrebbero potuto prendersi anche le loro vite.
Il trauma di quei sacerdoti è diventata oggi esperienza quotidiana fra i cristiani mediorientali. La loro percentuale, sulla popolazione complessiva mediorientale, è precipitata dal 20% di un secolo fa a meno del 5% oggi, e continua e decrescere. In Egitto, l’anno scorso, duecentomila cristiani copti sono fuggiti dalle loro case dopo i pestaggi e i massacri ad opera di folle di estremisti islamici. Dal 2003, 70 chiese irachene sono state bruciate e quasi mille cristiani uccisi solo a Bagdad, provocando la fuga di più di metà di quella comunità da un milione di persone. La conversione al cristianesimo è perseguita come reato capitale in Iran, il paese dove il mese scorso è stato condannato a morte il pastore evangelico Yousef Nadarkhani per apostasia (rinuncia all’islam). In Arabia Saudita le preghiere cristiane sono fuori legge anche in privato.
Come un tempo vennero espulsi dai paesi arabi 800mila ebrei, così oggi vengono costretti a fuggire i cristiani da terre dove hanno abitato per secoli. L’unico posto in Medio Oriente dove i cristiani non sono in pericolo, ma anzi fioriscono, è Israele. Dalla nascita d’Israele, nel 1948, le comunità cristiane del paese (ortodossi greci e russi, cattolici, armeni e protestanti) sono cresciute di più del 1.000%. I cristiani giocano un ruolo importante in tutti gli aspetti della vita israeliana, sono presenti in Parlamento, nel Ministero degli esteri, nella Corte Suprema. Sono esentati dal servizio militare di leva, ma migliaia di loro si arruolano come volontari prestando giuramento su un testo del Nuovo Testamento stampato in ebraico. I cristiani arabo-israeliani sono in media più benestanti e più scolarizzati della media degli ebrei israeliani, e prendono anche voti migliori nei test di immatricolazione.
Questo non significa che i cristiani d'Israele non si imbattano a volte in manifestazioni di intolleranza. Ma a differenza del resto del Medio Oriente dove l’odio verso i cristiani è ignorato o addirittura incoraggiato, Israele è e rimane legato al solenne impegno contenuto nella sua Dichiarazione d’Indipendenza di riconoscere "completa eguaglianza a tutti i propri cittadini indipendentemente dalla loro religione”. Israele garantisce libero accesso a tutti i Luoghi Santi cristiani, che rimangono sotto esclusiva tutela del clero cristiano. Quando i musulmani tentarono di erigere una moschea a ridosso della Basilica dell’Annunciazione a Nazareth, il governo israeliano intervenne per preservare la sacralità del santuario cristiano.
In Israele si trovano molti i Luoghi Santi cristiani (come il luogo di nascita di San Giovanni Battista, Cafarnao, il Monte delle Beatitudini), ma lo stato d’Israele si estende su una parte soltanto di quella che la tradizione ebraica e cristiana considera Terra Santa. Il resto si trova nella striscia di Gaza e in Cisgiordania. Ma in queste aree sotto controllo palestinese i cristiani patiscono le stesse condizioni dei loro correligionari nel resto del Medio Oriente. Da quando Hamas, nel 2007, ha preso il controllo della striscia di Gaza, metà della comunità cristiana che vi risiedeva è fuggita. Proibite sono le decorazioni natalizie cristiane e la pubblica esposizione del crocefisso. In una trasmissione televisiva del dicembre 2010, esponenti di Hamas incitarono i musulmani a trucidare i loro vicini cristiani. Rami Ayad, proprietario dell’unica libreria cristiana di Gaza, venne assassinato e il suo negozio ridotto in cenere. Si tratta della stessa Hamas con cui l’Autorità Palestinese che governa in Cisgiordania ha recentemente firmato un patto d’unità. Non c’è da stupirsi, quindi, se si registra un esodo di cristiani anche dalla Cisgiordania, dove un tempo erano il 15% della popolazione mentre ora non arrivano al 2%.
C’è chi attribuisce questa fuga alla politica di Israele che negherebbe ai cristiani opportunità economiche, ne arresterebbe la crescita demografica e ne impedirebbe l’accesso ai Luoghi Santi di Gerusalemme. In realtà, la maggior parte dei cristiani di Cisgiordania vive in città come Nablus, Gerico e Ramallah che sono da sedici anni sotto il controllo dell’Autorità Palestinese: tutte città che hanno conosciuto una vistosa crescita economica e un forte aumento di popolazione… fra i musulmani. Israele, nonostante la vitale necessità di proteggere i suoi confini dai terroristi, in occasione delle festività consente l’accesso alle chiese di Gerusalemme anche ai cristiani provenienti sia dalla Cisgiordania, sia dalla striscia di Gaza. A Gerusalemme stessa il numero di residenti arabi, compresi i cristiani, è triplicato da quando la città è stata riunificata da Israele, nel 1967.
Dunque deve esservi un’altra ragione per spiegare l’esodo dei cristiani dalla Cisgiordania. La risposta si trova a Betlemme. Sotto il patrocinio d’Israele (1967-1996), la popolazione cristiana della città era cresciuta del 57%. Dopo il 1996, invece, sotto l’Autorità Palestinese il loro numero è precipitato. Palestinesi armati si impossessarono di case cristiane da dove per anni i loro cecchini hanno fatto fuoco sule case dei prospicienti quartieri ebraici di Gerusalemme sud, fino a costringere Israele a costruire la barriera protettiva (che ora gli viene imputata). Palestinesi armati occuparono anche la Basilica della Natività, saccheggiandola e usandola come latrina. Oggi i cristiani, che a Betlemme erano la maggioranza, non costituiscono più di un quinto della popolazione di questa loro città santa.
L’estinzione delle comunità cristiane in Medio Oriente costituisce un’ingiustizia di dimensioni storiche. Eppure Israele rappresenta un esempio di come questa tendenza possa essere non solo prevenuta, ma ribaltata. Se godessero del rispetto e dell’apprezzamento che ricevono nello stato ebraico, anche nei paesi musulmani i cristiani potrebbero non solo sopravvivere, ma crescere e prosperare.

(Da: Wall Street Journal, 9.3.12)

6 commenti:

  1. Bellissimo articolo! Felice Pesach!

    RispondiElimina
  2. Non è vero che l'Islam sia una religione anticristiana ed antisemita:infatti in Iran vive una nutrita comunità ebraica che è ben integrata, è a favore del governo iraniano e non ha asoslutamente nostalgia di Israele nè pensa di trasferirvisi.
    Come te lo spieghi? Inoltre l'Islam veramente antisemita e anticristiano è solo una piccola fetta della religione musulmana:altrimenti a quest'ora non vivrebbe più nessun ebreo e nessun cristiano in quelle aree.
    Normalmente quando accade qualcosa contro i cristiani si dice che la colpa è dell'Islam, invece si dovrebbe dire che la colpa è solo di alcuni musulmani che interpretano male una religione che è di pace.

    RispondiElimina
  3. Forse può interessare questo:
    http://blog.camera.org/archives/2012/03/amira_hasnt_got_a_clue_2.html

    RispondiElimina
  4. Queli citati nell'articolo sono dati di fatto inoppugnabili: i cristiani nei paesi arabi/islamici/mussulmani sono diminuiti drasticamente. Nei territori palestinesi ancora di più. Anni fa ero a colloquio con il sindaco cristiano di Betlemme che parlava solo delle "colpe israeliane" della situazione della città. Parlando invece con i semplici cittadini, lontano dalla portata dei mussulmani, mi hanno detto che hanno una paura fottuta dell'islam, sono continuamente sottposti a pressioni, le loro donne vengono violentate (e quindi disonorate) e le loro attività commerciali incendiate. Se ti leggi le sure del Corano che ho citato in altre parti del blog noterai che l'odio per cristiani ed ebrei traspare in maniera netta. Se ti ascolti i sermoni dei chierici islamici in Egitto o a Gaza (per citare gli esempi più recenti) scoprirai che non sono propriamente sermoni di "una religione di pace".
    In Sudan e in Nigeria, per citare altri due esempi, i cristiani vengono massacrati da anni dagli islamici.... De quale religione de pace stai a parlà???

    RispondiElimina
  5. E menomale che gli islamici non sono antricristiani: e se lo erano cosa facevano?

    Comunque è sconvolgente come di fronte a fatti veri certa gente risponda con le favole. E poi co 'sta storia della piccola minoranza ce l'avete fatti a peperini.

    Tanto per restare in tema:

    Kuwaiti cleric: Jews are Muslims' biggest enemy.http://elderofziyon.blogspot.it/2012/04/kuwaiti-cleric-jews-are-muslims-biggest.html


    E poi, un esempio di "filocristianesimo"
    Egyptian Cleric Wagdi Ghoneim Praises Allah for the Death of Pope Shenouda III: "May Allah Exact Revenge from Him in the Hellfire" http://www.memri.org/clip/en/0/0/0/0/0/0/3373.htm

    Ma purtroppo se si ha la salumeria davnti agli occhi e si vuole credere alle favole del TG3 io non ho che fare.
    Salvo

    RispondiElimina