Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

venerdì 1 giugno 2012

Pillole da Israele

  • Operare tumori al seno, al cervello, alle ossa senza nemmeno aprire il corpo? Curare il Parkinson e altri disturbi del sistema nervoso centrale? Lo fa l'israeliana InSightech combinando risonanza magnetica e ultrasuoni in macchine ormai operative in molti paesi. Forte l'interesse del colosso General Electric che punta al 40% del capitale.
  • Prendete delle cellule staminali adulte da un cuore compromesso. Riprogrammatele, trasformatele in cellule sane di muscolo cardiaco. Reimpiantatele nello stesso cuore senza rischio di rigetto perché in breve lo rigenerino. Lo hanno fatto, primi al mondo, al Rambam di Haifa in una ricerca congiunta con il Technion e dopo 24 ore il nuovo tessuto cominciava a battere. Ora però occorrono almeno 5 anni per l'inizio delle prove cliniche.
  • Per spiegarlo ci vorrebbe un libro ma il succo è questo: quattro dipartimenti del Techion di Haifa, lavorando insieme, hanno brevettato dei metodi matematici che consentono di elaborare le immagini dei più potenti microscopi aumentando l'ingrandimento di dieci volte, oltre i limiti fisici della luce. Tutto senza modificare una vite negli apparati, a costi ridicoli. Non c'è ricerca scientifica nel mondo, medica, biologica, metallurgica che non ne beneficierà.
  • All'Hadassah di Gerusalemme nuovi studi su una molecola del Weizmann di Rechovot hanno visto rallentare del 90% l'evoluzione del tumore polmonare nelle cavie. Poiché la molecola è già certificata per l'uso umano, la sperimentazione sull'uomo sarà molto più veloce del consueto.
  • Ricordatel a PillCam, la pillola israeliana che inghiottita fotografava l'intero tubo digerente? Viene superata dalla nuova CheckCap di una start up della Galilea che fa i raggi X all'intestino, li trasmette ad un "orologio" e consente di prevenire il cancro senza nemmeno il fastidio delle purghe di "preparazione". Dai prossimi mesi gli studi clinici in Israele, Europa e USA.

6 commenti:

  1. http://www.rense.com/general27/let.htm

    Tra i firmatari della lettera c'è Albert Einstein, noto dirigente di Hamas e della Jihad Islamica.
    Non sapevo bene cosa fosse il sionismo, ma ascuola mi hanno insegnato a diffidare di tutte le parole che finiscono con "-ismo". E giustamente, direi.
    Da qui vien fuori che il sionismo è un movimento nazionalista di fanatici di estrema destra, per non dire di peggio.
    Io non andrei tanto fiero di definirmi sionista. Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole...

    RispondiElimina
  2. Il bello della democrazia è che si può essere contrari e dar voce alle proprie idee.
    Il vero significato del sionismo non è quello che credi tu.
    Spero che diffidereai comunque sia del fascismo che del comunismo in egual misura visto come la pensi sui termini che finiscono in -ismo....
    Per una corretta definizione di Sionismo ti segnalo quanto segue:
    Il fondatore del sionismo è oggi considerato Theodor Herzl, un giornalista ashkenazita assimilato suddito dell'Impero austro-ungarico. Nel 1895 Herzl fu inviato come corrispondente del suo giornale a Parigi per seguire il processo dell'affare Dreyfus (ufficiale francese di origini ebraiche accusato di tradimento), esploso nel 1894, che fu accompagnato da una feroce campagna di stampa francese che riproponeva stereotipi antisemiti. In seguito a questa esperienza Herzl si rese conto che l'assimilazione e l'integrazione degli ebrei in Europa non aveva dato frutti e che gli ebrei avevano bisogno di un proprio Stato, dove poter vivere in pace e sicurezza lontano dai pregiudizi e dalle false accuse tipici dell'antisemitismo.

    La sua conclusione derivava dalla sua esperienza nell'impero austro-ungarico: in una compagine nazionale eterogenea, come si presentava a fine '800 l'impero asburgico, italiani, serbi, croati, ungheresi, cechi, slovacchi, polacchi galiziani, tedeschi di Boemia e di Transilvania, tutti avevano i propri rappresentanti nel Parlamento imperiale e potevano appellarsi a una propria "nazione" e a una "terra" che loro apparteneva, una "patria" dentro o fuori i confini dell'impero, tutti tranne gli ebrei, né gli altri popoli riconoscevano gli ebrei come parte di essi.

    Herzl avrebbe sviluppato la sua idea e l'avrebbe tradotta in Der Judenstaat ("Lo Stato degli Ebrei"), un volume pubblicato all'inizio del 1896 senza conoscere gli scritti dei suoi predecessori e subito tradotto in varie lingue. All'immediato successo del volume e al dibattito suscitato Herzl fece seguire il primo Congresso Sionista Mondiale, che si tenne a Basilea dal 29 al 31 agosto 1897, in modo da costituire un movimento permanente.

    Herzl si inserisce in una tradizione di pensiero di lingua tedesca iniziata con Hess, e in quella tradizione riunisce attorno a sé la prima generazione di leader sionisti (Max Bodenheimer, Max Nordau, Otto Warburg, David Wolffsohn), cui sono vicine anche personalità come Albert Einstein. Questa tradizione è quasi compattamente parte della corrente dei "Sionisti generali" (ossia non affiliati a movimenti specifici) di ispirazione liberale.
    Spero che tu abbia compreso perchè SONO FIERO DI ESSERE SIONISTA!!!!!

    RispondiElimina
  3. Io sono sicuro che tu sia in buona fede. D'altra parte io non posso sapere con certezza se il sionismo sia un bene o un male. Ammetterai però che una lettera del genere non può lasciarmi indifferente. O ammettiamo che Einstein desse il suo nome a destra e a manca e firmasse di tutto (improbabile), oppure lo scienziato credeva in quel che ha scritto. Ora, anche Einstein può sbagliarsi, sopratt considerando che non stiamo paelando di fisica quantistica. Ma il suo giudizio seppure non sia la Bibbia per me vale sicuramente + del tuo o di quello di qualcun altro.
    Può anche essere che sia partita come un'ottima cosa e poi sia andato tutto ad escort (è successo spesso, pensa a come è stato applicato il pensiero di Marx, o confronta i Vangeli con la chiesa medievale).
    Certamente israele si comporta in modo dispotico con i palestinesi. C'è un video su youtube in cui un ragazzo ebreo americano parla in piazza a favore della Palestina e viene malmenato e arrestato dalla polizia, intervengono addirittura dei soldati, per uno sbarbateelo!!. Ora, qst è solo un esempio, ma vedendo il video non posso che chiedermi: "se con un americano davanti alle telecamere si comportano così, cosa rischia un palestinese?"
    Il fatto è che la situazione è isostenibile. + per i palestinesi, cert, ma anche per Israele: che vita è quella in cui devi aver paura di prendere l'autobus o andare al cinema? Circondato da Paesi che ti odiano profondamente? pensi davvero che il muro garantisca protezione? ora l'unica protezione che ha israele contro i kamikaze non è il muro ma l'ignoranza dei terroristi. Hai mai letto Fight Club? Preparare un ordigno di discreta potenza usando oggetti comuni reperibili in qualsiasi ipermercato è veramente facile. Se io fossi un aspirante kamikaze entrerei in Israele bello pulito come un infante, passerei qualche giorno in albergo e piano piano da negozi diversi e in + giorni comprerei tutto ciò che mi serve. Assemblerei la bomba in albergo e poi farei quello che voglio.
    Ora è vero che i palestinesi (non per colpa loro) sono poco istruiti, ma prima o poi ci arriveranno. Se ci sono arrivato io?
    E allora non sarebbe meglio lasciare gran parte della Palestina o almeno rinunciare alla denominazione anti-moderna e dal sapore medievale di stato ebraico? O è meglio vivere circondati dall'odio e immersi nella paura?
    Io è ormai + di un mese che leggo molto sulla questione. Ovviamente non sono tanto stupido da dividere in totalmente buoni e cattivi. Il mondo è una scala di grigi, diceva qualcuno. Ma, per me, i palestinesi hanno ragione di fondo. E non puoi accusarmi di essere parziale e di non essermi documentato, perchè ho letto un sacco: libri di storia e blog di tutti i tipi: di dx, sx, filoisraeliani, filopalestinesi. Perfino blog di isalmici radicali e ebrei ultra otrodossi (in inglese). Anche il blog di una parlamentare viscidamente e subdolamente razzista di nome fiamma nonsocome. Tra l'altro il fatto che legga il tuo\suo blog dimostra che mi interessa sentire tutte le campane e non assorbire opinioni monocorde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debbo contraddirti: non è affatto andato tutto a "escort" come dici tu. Israele è una magnifica realtà a dispetto dell'odio arabo. Se tu andassi a vedere di cosa parlo capiresti. Israel non si comporta in modo dispotico con nessuno credimi. Quelli che vedi su you tube sono episodi tipici in qualunquye parte del mondo: ma che in Italia nonsi picchiano i romeni o non si da fuoco agli sinzgari? La polizia non picchia i no global a Genova? E dai.....
      In Israele ci sono organizzazioni di ebrei come Bet'selem che si occupano dei palestinesi più di quano facciano gli arabi. SOno stato due anni fa nella loro sede a Gerusalemme e so di cosa parlo: pur non condividendo nulla del loro operato, li considero una espressione di magnifica democrazia che non trovi certo in nessun paese arabo.
      La barriera difensiva (e non muro, credimi io l'ho visto... il tratto in cemento è una piccolissima parte e sorge solo nei punti da dove i palestinesi sparavano con i fucili sulle case israeliane) salva vite umane ogni giorno. Gli attentati sono diminuiti di oltre il 90%: non ti sembra un ottimo risultato? O preferivi libero accesso ai terroristi per poter meglio massacrare gli ebrei???
      Uno stato ebraico esiste al mondo: e lasciamolo esistere!!! Che male fa? E' grande quanto la Sardegna per la miseria e non cheide altro che vivere secondo i propri principi!
      Fiamma Nirenstein.... si chiama Fiamma NIrenstein, mi pregio di conoscerla di persona e l'ammiro molto. E per fortuna che ci sono persone come lei che difendono Israele. Fiamma è tutto meno che razzista come dici tu, difende i gay, i cristiani attaccati nei paesi arabi e i diritti di tutti

      Elimina
  4. Ciao.
    Figurati se io non sono felice che gli attentati sono quasi scomparsi. Purtroppo, hai presente la bomba di Brindisi? E' possibile assemblare ordigni di discreta potenza con materiali assolutamente comuni. Addirittura esistono bombe così semplici che al confronto quella di Brindisi sembra messa su dal progetto Manhattan. Segatura, alcool etilico e chiodi. Ti sembrano materiali tanto difficili da reperire? Per non parlare si cosa si può fare se si ha qualche rudimento di chimica. Certo un tale ordigno non è come il tritolo, ma x es. in un autobus, avrà effetti altrettanto devastanti. E io ho detto che i terroristi prima o poi ci arriveranno. Tutto qui. Spero che non accada, ma se accadesse come si fa fronte a una minaccia del genere? Si mette l'esercito davanti ai BricoCasa? Si chiudono totalmente le frontiere? Secondo me una vita in compagnia della paura costante di morire (o che muoia qualche caro, peggio ancora!!)) non vale la pena di essere vissuta. E' la mia opinione, nient'altro. E probab basterebbe dire: "questo non è uno stato ebraico, ma è uno stato e basta, e la nostra classe dirigente, così come l'esercito e il governo saranno misti."
    Riguardo al sionismo io ho ammesso la mia ignoranzae ho detto che mi fido delle parole di Einstein, in attesa di approfondire. Le parole di uno che magari può essere accusato di essere un po' fricchettone, ma non certo antisemita.
    Infine sulla parlamentare nirenstein. E' super tollerante e addirittura amichevole, fino a che non si parla di musulmani. A quel punto viene fuori che sono dei sub-umani cognitivamente e moralmente inferiori al mitico "Occidente".
    p.s.: che poi sarei proprio curioso di vedere quanti morti ha causato l?''"Occidente" e quanti i cattivi islamici, ma sto divagando.
    A risentirci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che la fantasia dei palestinesi è di gran lunga superiore a quel criminale di Brindisi. Lo sai che un palestinese si è riepito di tritolo, si è fatto cresscere i capelli come gli ebrei ortodossi, si è messo un vestito da rabbino è salito su un autobus pieno di bambini che con le loro mamme tornavano dalla festa di Purim (il carnevale ebraico per intenderci) e si è fatto esplodere???? E tu pensi che i soldati e i poliziotti israeliani non ne vedono di tutti i colori ogni santo giorno???? Eppure gli attentati sono diminuiti da quando c'è la barriera, per questo hanno aumentato la "dose" di razzi da Gaza, perchè non riescono a passare più terroristi suicidi.
      Ti assicuro poi che in Israele vivono la vita con gioia nonostante l'odio che li circonda. I ragazzai a Tel Aviv se la godono alla grande nei locali e in spiaggia. Le persone in israele amano la vita e non si lasciano condizionare dall'odio arabo e dalla violenza araba.
      E' l'unico stato ebraico che esiste al mondo e ti ripeto la domanda: che problema può dare uno stato che si definisce ebraico grande quanto la Sardegna in un mare di stati arabi, islamici e mussulmani?????
      L'Iran può essere una repubblica islamica e ci vivono pure diversi ebrei che non chiedono di cambiare il nome allo stato. Perchè Israele non può essere l'UNICO STATO EBRAICO DEL MONDO?
      Saluti

      Elimina