Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

martedì 26 giugno 2012

Ritiri e miracoli

Di Hagai Segal
Centocinquant’anni dopo la rivoluzione francese il leader cinese Zhou Enlai, intervistato su come la valutasse, rispose che era troppo presto per darne un giudizio ponderato. Esagerava, naturalmente. Ma in linea di principio aveva ragione. È sempre pericoloso celebrare troppo in fretta i grandi eventi storici.
Circa trentaquattro anni dopo che Israele ha accettato di ritirarsi dalla penisola del Sinai, e trent’anni dopo che ha completato quel ritiro, tutt’a un tratto si scopre che abbiamo fatto un errore madornale. Due leader, Menachem Begin e Anwar Sadat, vennero premiati con il Nobel per la pace per quella sventatezza, considerata a lungo una delle cose migliori che fossero accadute, qui, dal 1948. E invece, un bel giorno, ci ritroviamo senza il Sinai e senza la pace.

Anche i più accaniti oppositori del ritiro non avevano potuto paventare, all’epoca, uno scenario così catastrofico. Abbarbicati alla cittadina di Yamit (poi fatta sgomberare dalle forze israeliane), mettevano in guardia che un giorno ci saremmo potuti ritrovare con l’esercito egiziano di nuovo schierato nel Sinai in assetto di guerra. Ma non potevano immaginare che la minaccia dell’esercito egiziano potesse risultare un problema minore rispetto alla nuova minaccia che oggi ci troviamo ad affrontare in quella regione che abbandonammo nel 1982-‘85: tutti i peggiori psicopatici del campo islamista jihadista stanno inondando la penisola e hanno iniziato a tormentare le nostre vite. L’Afghanistan è qui. E, a differenza che in passato, non possiamo nemmeno reagire per non trovarci invischiati in uno scontro frontale con il nuovo Egitto, un Egitto in salsa iraniana. Tutto quello che possiamo fare è costruire una barriera difensiva lungo il confine e sperare in un miracolo.
Per la verità, un miracolo è già accaduto. Nonostante tutte le pressioni interne ed esterne, per fortuna non avevamo ancora firmato un trattato “di pace” con la Siria (di Assad) fondato sul modello egiziano, cioè sul ritiro delle forze israeliane fino all’ultimo centimetro. 
In questo senso, anche l’impasse nella creazione di uno stato palestinese è una specie di miracolo: significa che, almeno finora, ci siamo risparmiati le salve di razzi Qassam che si abbatterebbero su Tiberiade, Afula ed Herzliya, per non dire su Gerusalemme e Tel Aviv. Che sono, in effetti, l’ultima cosa di cui avremmo bisogno in questo momento.



(Da: YnetNews, 22.6.12)

Nessun commento:

Posta un commento