Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

lunedì 9 luglio 2012

di Dimitri Buffa 

Omosessuali invitati a boicottare il turismo in Israele durante la parata dell’orgoglio? Solo a Sinistra e Libertà poteva venire in mente una simile idiozia che, oltre a inquinare il gay pride romano con un vago senso di antisemitismo di sinistra, sembra ignorare che lo stato ebraico è quello più gay friendly del mondo. Ma oramai il “gay pride” romano sta diventando da troppo tempo una palestra ideologica piuttosto che la bella love parade che è nel resto del mondo.

Solo a Roma ad esempio è possibile vedere un carro di “gay forcaioli” sponsorizzato dai giovani dell’Italia dei Valori, con comizianti politici che peraltro fanno finta di non conoscere le ambigue posizioni del loro leader in materia. Vedi anche i centri sociali che approfittano di questa circostanza per imporre il loro carro con scritte anti–sistema che inneggiano a Genova 2001. Insomma si sta perdendo la genuinità ludica e sbeffeggiante delle drag queen e queste sfilate assomigliano sempre di più a quelle sindacali dei comitati unitari di base. Chi non ricorda quando, nell’ottobre 1982, una settimana prima dell’attentato palestinese alla Sinagoga, in cui rimase ucciso il piccolo Stefano Tachè, fu proprio un corteo di duri e puri della Cgil a depositare una bara davanti alla Sinagoga di Roma? Passarono pochi giorni e i loro amici terroristi di Arafat quella bara la riempirono.

Adesso pur di andare contro Israele si strumentalizza il gay pride con un carro di Sinistra e Libertà completamente dedicato al boicottaggio dei prodotti e del turismo in Israele? Verrebbe da dire a questa gente: provate a dirlo ai gay arabi e palestinesi di boicottare i viaggi in Israele, dove spesso queste persone, che nei loro paesi rischiano la vita, ottengono asilo politico con la semplice dichiarazione del loro compagno israeliano. Oppure: provate a organizzare un gay pride a Gaza, o nell’Egitto dove hanno vinto le elezioni i Fratelli Musulmani, e vedete un po’ che vi capita. Chissà perché invece un bel carro del gay pride romano non è stato dedicato alla memoria di Vittorio Arrigoni, che pure era un militante della stessa estrema sinistra che odia Israele, ma che per avere osato incitare i gay di Gaza a fare outing e i giovani a liberarsi sessualmente dal giogo di Hamas è stato fatto fuori da sicari salafiti al soldo di quella stessa organizzazione che lui difendeva politicamente con i propri scritti.

Da liberale e da radicale ho sempre difeso il gay pride romano, anche quando c’erano le assurde polemiche clericali del Pdl e del Vaticano durante l’anno santo. Certo però che la sinistra di Vendola agendo in questa maniera spregiudicata sulla pelle dei gay per imporre la propria visione del mondo, in cui Israele è il nemico e i Paesi arabi i fedeli alleati, non fa un buon servizio a chi ha sempre voluto questa manifestazione. Se il gay pride deve diventare una variante ludica dei cortei dei “brucia bandiere” israeliane e americane, allora veramente se ne può fare a meno. Cari gay non cadete in questa trappola, non fatevi strumentalizzare da Vendola o da Di Pietro, perché così vi alienerete le simpatie che tanti cittadini di ogni schieramento politico sentono per i vostri diritti. Per essere gay non c’è bisogno di essere anche di sinistra, tanto meno di Rifondazione. E in Israele andateci a fare le vacanze, perché un Paese così è il sogno di tutti i giovani. Gay e non.

(Fonte: L’Opinione.it, 28 Giugno 2012)

Nella foto in alto: uno dei tanti striscioni antisraeliani esposti da esponenti di Sinistra e Libertà durante la sfiloata del Gay Pride di Roma

Nessun commento:

Posta un commento