Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

mercoledì 14 novembre 2012

Raid mirato contro capo terrorista a Gaza

Forze aeree israeliane hanno colpito e ucciso, mercoledì pomeriggio, Ahmed Jabari, capo delle Brigate Izzadin Kassam, l’ala militare di Hamas. Il raid, ha spiegato il portavoce delle Forze di Difesa israeliane Yoav Mordechai, segna l’avvio dell’operazione “Colonna difensiva” contro le organizzazioni terroristiche Hamas e Jihad Islamica nella striscia di Gaza. Jabari è stato ucciso da un missile israeliano che ha colpito la sua auto in transito nella parte centrale della striscia di Gaza. Nel raid sarebbe stato colpito anche Raed Attar, un altro dirigente dell'ala militare di Hamas.
Dopo l’attacco, le forze aeree israeliane hanno colpito più di venti postazioni lancia-razzi e magazzini di armi appartenenti a Hamas e Jihad Islamica. I raid hanno preso di mira in particolare i razzi a lunga gittata in possesso dei terroristi, come i Fajr-5, capaci di raggiungere Tel Aviv da Gaza. Le Forze di Difesa israeliane ritengono d’aver eliminato gran parte della minaccia a lunga gittata.
“Il primo obiettivo di questa operazione – ha dichiarato il portavoce Mordechai – è quello di riportare la calma nel sud di Israele. Il secondo è di colpire le organizzazioni terroristiche. Il messaggio a Hamas è chiaro: se continuano col terrorismo contro Israele, saranno eliminati”.
Le Forze di Difesa israeliane hanno specificato che Ahmed Jabari aveva organizzato, realizzato e ordinato un grande numero di attacchi e aggressioni contro Israele, compreso il sequestro del soldato Gilad Schalit e il lancio, negli ultimi anni, di centinaia di razzi contro la popolazione civile israeliana. "Continuando a importare armi - ha aggiunto il portavoce militare - Hamas e Jihad Islamica hanno trasformato Gaza in un avamposto di prima linea iraniano".
La maggior parte degli arsenali colpiti mercoledì dalle forze aeree israeliane erano localizzati all’interno di edifici residenziali civili. “Questa è una prova ulteriore della tattica di Hamas, che usa gli abitanti di Gaza come scudi umani”, hanno sottolineato i militari israeliani.
Le Forze di Difesa israeliane hanno intanto invitato tutti i civili israeliani della zona ad attenersi strettamente alle istruzioni del Comando della difesa civile. Chiusi tutti gli istituti scolastici della regione fino a nuovo ordine.
 
(Da: Jerusalem Post, YnetNews, 14.11.12)

Nessun commento:

Posta un commento