Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

giovedì 29 novembre 2012

Vergogna Italia!

Vergogna per l'Italia che ha cambiato campo all'ultimo momento sul voto all'ONU per la Palestina: infischiandosene persino di tutto l'operato del parlamento legittimamente eletto, il governo tecnico ha voltato gabbana e si è schierato con i nemici di Israele (Francia e Spagna su tutti) e con i paesi islamici che vogliono la distruzione di Israele.
La politica estera italiana, da anni ormai schierata sinceramente con Israele, ha subito una brusca sterzata con questa mossa del tutto inaspettata.
Si va contro tutti i principi internazionali, si va contro ogni dialettica e colloquio faticosamente intessuto e ripetutamente interrotto dall'intransigenza araba con la convinzione (errata e la storia dirà quanto errata!) che si vuole favorire il "moderato" Abu Mazen, il mandante della strage di Ma'alot, il propugnatore del terrorismo, colui che inaugura centri sportivi intitolati a terroristi suicidi che si sono fatti esplodere in mezzo a inermi civili israeliani, colui che rifiuta di riconoscere Israele come stato ebraico, colui che pretende i confini del 67 e il "rientro" di 5 milioni di "profughi" in Israele (dimostrando che vuole la distruzione di Israele) a discapito dei terroristi di hammazz al potere a Gaza.
Sembra che nessuno si renda conto che questo è solo un altro passo degli arabi verso il loro unico vero obiettivo che da oltre 60 anni condiziona la loro esistenza: eliminare Israele, ricaccaire in mare gli ebrei e distruggere quanto da loro creato in oltre cento anni.
Sinceramente sono profondamente deluso da questa cosa: spero che non segni l'inizio di un cambiamento della politica italiana a favore di Israele, sarebbe un tradimento inaccettabile.

VIVA ISRAELE!

Nessun commento:

Posta un commento