Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

mercoledì 26 dicembre 2012

Il Giorno della Memoria


Presso questo link è possibile leggere il testo della LEGGE DELLO STATO relativa al giono della Memoria che qualche bella testa sostiene essere una "legge imposta da Furio Colombo" (chissà perche poi da Furio Colombo)

Legge 20 luglio 2000, n. 211
"Istituzione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti"

pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000

Art. 1.
1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art. 2.
1. In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere.

14 commenti:

  1. Quel testo è fatto assai male e fa pensare male su chi scrive le leggi. Di quella legge Furio Colombo è indicato come il “padre”: gli appartiene ed è tutta sua e solo sua. A quanto pare i cancelli non furono “abbattuti” perché erano aperti ed incustoditi. Quanto poi al “ricordare” non dovrebbe essere Colombo a dire cosa gli italiani debbano ricordare o possano e debbano dimenticare (diritto all’oblio). Ma la questione maggiore direi si ponga sul «tragico ed oscuro», dove vi sono persone che con grande impegno si sono proproste di fare “luce” su ciò che pure Furio Colombo riconosce essere “oscuro”. Il problema è che queste persone vanno in galera per la sola colpa di voler fare luce e cercare luce. In Germania, sono 200.000 le persone penalmente perseguite per meri reati di opinione. il Signor Pacifici, presidente della comunità ebraica romana, tenta con ogni mezzo di introdurre anche in Italia simili leggi che mandano in galera tanti onesti ed innocenti padri di famiglia, la cui unica colpa è quella di voler far luce su ciò che la legge Colombo riconosce essere “oscuro”. A voi sembra giusto questo? Volete anche voi mandare in galera tante persone per meri reati di opinione? Il vostro compito è quello di fare da delatori? Per conto dello Stato di Israele? Altro avrei da dire, ma dubito che con voi ci si possa civilmente confrontare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già il testo è fatto male secondo te.... e perchè è fatto male? Vedo che cerchi il pelo nell'uovo (tipo "i cancelli non furono abbattuti perchè erano aperti....").
      Colombo volle fortemente la legge quando era deputato ma non per questo quella non è una legge dello Stato. Ti ricordo che è stata approvata dal parlamento italiano quindi E' una legge dello stato.
      E serve tantissimo quella legge, serve a ricordare quale orrore fu la Shoah, quale orrore furono le leggi razziali del 1938, quale orrore furono le deportazioni che subirono gli ebrei in quanto popolo e in quanto appartenenti a una "razza" e a una religione. Servono a non far dimenticare che ci furono italiani che vendettero altri italiani per 5000 lire! Ci furono italiani che si arricchirono sulle spalle di coloro che avevano contribuito a far deportare!
      I tuoi discorsi sono tipici di due tipi di persone così agli opposti e così vicini: i nazi merde di casapaound e i pacifinti sinistrati dei centri sociali.
      Riccardo Pacifici si batte perchè non ci siano persone che neghino l'orrore della Shoah. Chi nega quello che è accaduto REALMENTE merita la galera!
      Gli unici delatori furono coloro che vendettero gli ebrei italiani ai fascisti e ai nazisti. Coloro che si accaparrarono l'oro e i beni degli ebrei deportati.
      Tutto quello che hai da dire in proposito credo sia di poco interesse, sono i soliti triti e insulsi discorsi di un negazionista antisemita, di chi nega la storia e vuole farci credere che gli asini volano.
      Non credo che ci si possa confrontare civilmente con tipi come te....

      Elimina
  2. Dunque vi riconoscete responsabili dei numerosissimi casi di persone incriminate per reati di opinione? Non vi vergognate? Non rispondo ai vostri insulti con altri insulti, ma prendo atto di ciò che apparite essere e mi date conferma della pessima opinione che di voi posso lecitamente avere... Siete davvero italiani? O volete la galera per conto di Israele che in questo modo si mette al riparo da qualsiasi critica al suo operato e può compiere impunito tutti i crimini che vuole, rinfacciando a noi europei “colpe” che non ci è neppure consentito di conoscere? Io all’epoca dei fatti allusi (ma quali fatti? Interpretati come e da chi?), non ero neppure nato, e nulla ne so, e meno che mai posso essere responsabile di ciò che neppure so e che dovrei sapere per legge Colombo o perché detto da voi, ma più grave di ogni cosa mi appare il fatto che vi siano presunti concittadini che vogliono mandare in galera persone la cui sola colpa è quella di non essere convinti di ciò che dicono altri e che vorrebbero poter studiare liberamente per conto loro una storia sempre più remota... Io non "nego" un bel niente... ma quando uno ti vuole imporre la "sua” verità, sorge facilmente il sospetto che le cose stiano in modo contrario da come si pretende... il "vero” e il "falso” possono essere conosciuti solo con il libero contraddittorio, non per imposizione... Io "non so” nulla di quello che dite perché voi stessi non mi consentite di poterlo sapere liberamente... Capite la differenza fra "negare” e "non sapere”? Il gravissimo discrimine fra me e voi è questo: io sono per la libertà di pensiero e voi pretendete invece di imporre per legge quello che voi e solo voi pensate e dite! Quanto alle vostre fantastiche oltre che oltraggiose congetture sulla persona, esse danno la misura della vostra attitudine alla scienza. Vergognatevi, se pensate di avere il diritto di togliere ad altri la libertà di poter pensare liberamente... Vi interessano i “genocidi”? E la "pulizia etnica” del popolo palestinese non è un "genocidio” ancora più grande di quello che dite voi? Ahimé! questo è assolutamente certo e tale per cui neppure San Tommaso potrebbe avere dei dubbi o sognarsi di “negare” le sofferenze inflitte ai palestinesi dagli “Eredi delle Vittime”. “Viva Israele”? E perché mai? E chi lo dice?... La "legge dello stato”... ma non fatemi ridere! Posso non essere d’accordo con Furio Colombo? In Parlamento non l’ho messo io e non mi rappresenta in nessun modo. Lucio Colletti, che era un filosofo, era contrario a quella legge e votò contro: la "memoria" non si può imporre a nessuno: ognuno ha diritto alla "sua” memoria. Le "leggi” servono ed hanno senso quando vogliono fissare le imposte che i cittadini devono pagare, ma se pretendono di stabilire quale sia il sesso degli angeli non hanno più niente a che fare con il concetto di legge. E se una legge imponesse che ogni figlio deve uccidere i suoi genitori a 60 anni compiuti, noi dovremmo sentirci vincolati da una simile legge? E no! Le leggi devono essere "giuste” e quando il cittadino sa in coscienza che una legge non è giusta, quella legge potrà essere rispettata al massimo da quegli stessi che se la sono fatta per loro stessi, ma non possono pretendere di imporla ad altri che ne possono contestare il contenuto ideologico ed il valore storico ("pelo nell’uovo”...) Non vi accorgete neppure di cadere voi stessi in contraddizione: la legge non è un "feticcio”, perché se la legge Colombo è come voi dite "legge dello Stato", a maggior ragione lo era anche quella del 1938, di cui voi dite e che non ha nulla a che fare con i "cancelli” di cui parlate. Conoscete ciò che dicono i giudei di Neturei Karta sullo “stato ebraico di Israele”? Dicono che è una bestemmia contro Dio e che dovrebbe essere "smantellato” perché fondato sulla pulizia etnica dei palestinesi, ossia sulla violazione dei comandamenti divini: Non Uccidere, Non Rubare, Non Mentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vergognarci di cosa? Di voler mandare in galera chi nega la Shoah??? Ma certo che deve andare in galera! Personalmente sono italiano e amo Israele come fosse il mio paese.
      Le infami leggi del 38 furono promulgate da una dittatura! O vuoi mettere sullo stesso piano il ciccione capo del fascio con la Repubblica Italiana? Le leggi razziali furono un abominio puro e spero che la tua follia antisemita non arrivi a negare questa evidenza. Imposte da un regime per discriminare i suoi stessi cittadini. Ma ti accogi delle cazzate che scrivi? Ma te sei più nazista o più komunista? Grazie a quelle leggi infami gli ebrei persero ogni diritto dalla sera alla mattina. Vennero cacciati daiposti di lavoro e dalle scuole. Come puoi fare un parallelo tra quelle leggi e la legge della Memoria? Con la legge della memoria nessuno viene cacciato dalposto di lavoro, schedato, cacciato dalla scuola dove lavora, perde il diritto a possedere aziende o ad avere dipendenti "ariani".
      Il fatto che citi Naturei Karta la dice lunga: quelli sono 4 gatti convinti che Israele non ha diritto di esistere. Affermano di voler combattere l'idea di voler stabilire uno stato ebraico nel tempo presente (tempo che ritengono ancora di esilio), poiché ritengono contrario all'autentica tradizione religiosa ebraica lo stabilire tale stato senza aspettare che tale terra venga esplicitamente donata dall'Altissimo. La motivazione pertanto non è di ordine politico, ma di ordine religioso.
      Quando te pare la religione va bene e quando nun te fa comodo nun va bene???

      Elimina
  3. Comunismo? Io comunista? E questo sarebbe uno degli insulti che mi vorresti fare? Ma come? Non sai che se Israele "esiste” è solo grazie a Stalin ed al comunismo?... Su altro non perdo tempo a confutare. In questa disputa di vera e propria guerra fra "nemici” la mia tesi, che sostengo in tutte le sedi, e che in ultimo è stata ribadita dalla Commissione ONU sui diritti umani è che le libertà di pensiero, anche in relazione alle Shoah, è un diritto inalienabile dell’uomo. Sul merito ritengo che solo degli storici specialisti possano discuterne e pertanto io dichiaro di non saperne e non volerne sapere nulla finché su questa materia non vi sarà piena libertà di contraddittorio. A chiunque interessi la verità non può essere estranea la libertà ed il fatto che tu non stia dalla parte della libertà significa anche che non stai neppure dalla parte della verità. All’Hasbara vi insegnano l’aggressività, l’oltraggio ed i toni con cui ti esprimi e che stai pur certo non mi intimidiscono, ma non vi forniscono conoscenze basate sulla storia, la filosofia, la logica, il diritto... Questo dialogo è perciò impossibile e per me finisce qui: in forma urbana e "legale" da parte mia, incivile da parte tua... A parte la produzione libraria, assai spesso paccottiglia da supermercato, non ho mai trovato un sionista per davvero preparato con il quale valesse la pena spendere del tempo in una seria discussione... Neppure a cercarlo con la lanterna... Quanto ad essere noi (io e te) “concittadini” (italiani) di uno stesso Stato nutro fortissimi dubbi. Vai pure in Israele, davanti ai palestinesi, a gridar loro «Viva Israele». Io da questo orecchio non ci sento. Posso far poco o nulla per porre fine alla loro oppressione e sofferenza, ma almeno sono e sarò sempre innocente da ogni colpa nei loro confronti e mai sarò complice dei sionisti di stanza in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I comunisti sono i più grandi nemici di Israele da smpre. Quando Stalin votò a favore della NAscita di Israele lo fece per un suo scopo politico, cercare di sottrarlo all'influenza americana e conqueistrasi una testa di ponte nel Medieterraneo, vecchio sogno della Russia zarista. Non essendoci riuscito, riversò tutto il suo apoggio politico, economico e soprattutto militare sugli stati arabi.... Ma la storia la leggi???
      Da cosa evinci che io non sto dalla parte della libertà?? Dal fatto che sostengo Israele??? deboluccia come motivazione ammetterai, e tipica dei sinistrati pacifinti odiatori di Israele a prescindere, senza saperne niente...
      Tipico sinistro pacifinto fai il gesto nobile di chiudere la conversazione perchè non nsono alla tua altezza, mi definisci incivile e aggressivo. I sionisti per te non capiscono niente ecc. ecc. di nuovo razzismo e presunta tua superiorità morale.... Socrte diceva so di non sapere, non si applica certo a te... E perchè dovrei andare in Israele a gridare davanti ai palestiensi Viva Israele? Pensi che voglia farmi uccidere da quei pazzi assassini??? Lo grido davanti ai miei amici israeliani, lo dico forte in Italia... basta credimi. Con gli arabi il dialogo è impossibile mirano solo a distruggere Israele. ei suoi cittaidni

      Elimina
  4. Che cosa ridicola. Chi nega l'olocausto e liberissimo di farlo, tanto ci sono miliardi di tonnellate di documenti e filmati e libri e raxconti pronti a smentirlo. Esiste la flat earth society che dice che la terra e piatta. I reati d'opinione, a parte la diffamazione, sono tipici delle dittature. Tale legge poi non potrebbe mai passare xke sarebbe incostituzionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetterai che tra il negare l'olocausto e l'affermare che la terra è piatta ci sono alcune piccole differenze.... Diciamo che non mi sembra che siano cose proprio sullo stesso piano.

      Elimina
    2. Mi sembra di capire che sia una proposta di legge. Ti do una notizia: non passerà mai xkè contro la Costituzione. Lungi da me difendere chi nega la Shoà(tu m'insegni che non andrebbe chiamato olocausto), ma qual è il problema? Quanti saranno questi cialtroni? Il paragone con la Flat Earth Society (che esiste davvero!) sta nel fatto che entrambe le "teorie" sono contro l'evidenza, ci sono montagne di prove a seppellirle. Uno può dire che non c'è stato il genocidio degli indiani d'america. Chi se ne frega! Chi gli crederà mai.
      Trovo questa proposta di legge inutile e dannosa per diversi motivi: 1)xkè non passerà mai 2)xkè allora bisognerebbe arrestare chi nega i gulag, e perchè no chi nega le esecuzioni sommarie dei briganti del sud Italia, e chi nega il genocidio degli armeni ecc. ecc. E arrestiamo pure tutti quelli di Casapound o FN che difendono il fascismo e spesso il nazismo e vabbè che molti se lo meriterebbero pure.... ma che paese diventeremmo?
      3) xkè sarebbe controproducente, le teorie di codesti "storici" sarebbero molto più diffuse, se non altro per curiosità, e stà a vedere che qualche cretino le prende sul serio. D'altronde c'è chi crede che siamo governati dai rettiliani fin dai tempi dei Carolingi che altro non sarebbero che i discendenti diretti di tale Gesù, extraterrestre vissuto in Palestina ai tempi dei romani (giuro che l'ho letto davvero sul web!), quindi cosa vuoi che sia organizzare una finta shoà in tempo di guerra? E inoltre te l'immagini uno di questi esimi "studiosi" che va in galera e si proclama martire della libertà?
      E' una questione di pragmatismo. Metti il caso dell'articolo di Odifreddi, quello su Israele censurato da Repubblica. Senza entrare nel merito dell'articolo, ammesso che fosse giusto cancellarlo (io non sono d'accordo) e premesso che sicuramente il governo di Israele non c'entra niente (figuriamoci se sta a pensare agli articoli di Repubblica), come ne è uscita Israele? Con l'immagine di quello che censura i giornalisti scomodi. Attenzione non sto dicendo che è così, sto descrivendo la vulgata. Lessi un commento da qualche parte in proposito che diceva "uccidono gli scienziati che sarà mai censurare un matematico". Morale: la censura non solo non serve, ma anzi è dannosa!

      Elimina
    3. Hai ben argomentato le tue idee, ma non mi convinci. Chi nega la Shoah va dentro. Punto. E' stato qualcosa di abominevole quanto perpetrato dal nazifascismo e pertanto va condannato senza se e senza ma.

      Elimina
    4. Certo, cio non cambia pero che sia una legge anticostituzionale. Sull'odiosita siamo d'accordo ma la liberta d'espressione vale anke per le cose odiose. Magari il parlamento l'approvera pure ma sara cassata dalla corte costituzionale. Non occorre essere giuristi.

      Elimina
    5. Di fronte alla Shoah le cose per me sono diverse. Scusa, è una mia idea molto personale. Sono molto coinvolto nella cosa e forse ti sembro poco obiettivo. Se passerà la legge e poi verrà cassata amen. Per me va portata avanti la battaglia comunque.

      Elimina
  5. Come no... Il cervello e la maturità mi sembra inferiore a quello di un quattordicenne, senza però l’innocenza dell’età... a maggior ragione... ti confermo che con te ho chiuso: dì pure tu l’ultima parola, il blog è tuo... Non sai aprire il becco, senza vomitare insulti... tipico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già se uno non la pensa come te non è maturo...
      Te saludi!!!

      Elimina