Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

giovedì 7 marzo 2013

Lettera di Lucio Dalla per Yom Hazamut

“Cari amici.
Mi ha colpito come ultimamente alcuni artisti di pregio, come Leonard Cohen ed Elton John hanno reagito alle vili campagne di boicottaggio che colpiscono sovente Israele, e hanno portato con raggiante quiete il loro messaggio di musica e di pace al popolo ebraico nella sua Terra.
L’armonia non solo della loro musica, ma della gioia, della gratitudine, dell’entusiasmo del pubblico parlava da sola:
ISRAELE è un Paese pieno di sogni, di amore, di desiderio di pace e vi mando questo messaggio per dirvi che IO LO AMO.
Qui dopo l’incredibile persecuzione nazista del grande popolo che vi era nato, esso ha ritrovato la forza di costruire e di vivere pienamente l’arte, la scienza, la medicina, l’agricoltura e purtroppo ha dovuto farlo sempre in condizioni di guerra.
Spero con tutte le mie forze che giunga anche il tempo della pace e della giustizia per quel Paese, e penso che tutti debbano cominciare ad aiutare dicendo con chiarezza:
è tempo di smetterla di aggredirlo con bugie e mistificazioni che ce ne danno un’immagine completamente diversa dalla realtà!
AUGURI ISRAELE, IO SONO CON TE DALLA PARTE DELLA VERITA', DELLA STORIA E DELLA VITA."

Lucio Dalla

4 commenti:

  1. Non so se sia un falso come quello di Luther King, ma mi dispiace immensamente per Lucio Dalla, le cui canzoni ho sempre apprezzato... Che devo dire? Non capisce un c... di politica, di etica, di diritto, di giustizia... e le sue sono solo canzonette, buone per passare il tempo e non per istruirsi. Ma poi è anche stupido: cosa crede? Che se apprezzo le sue canzoni, sottoscrivo per questo le sue enormità? Lui lo sa che in Palestina nel 1948 vi è stata una grande pulizia etnica che equivale ad un genocidio? È morto, pace all’anima sua! Se è lecita la domanda: era per caso un ebreo?

    RispondiElimina
  2. Eh già, ti dispiace che Lucio la pensava diversamente da te. Sarà pure per il fatto che in Israele gli omosessuali vengono rispettati e non impiccati come nell'Iran che tanto ammiri.
    Ti confermo una cosa che proprio non riesci a capire: NON BISOGNA ESSERE EBREI PER AMARE ISRAELE!

    RispondiElimina
  3. Ah,era pure omosessuale Lucio Dalla? Non lo sapevo! Non hai capito bene, o meglio non mi sono espresso bene. E mi spiego meglio di nuovo. Lucio Dalla è stato in vita sua un grande artista e le sue canzoni mi piacevano, senza essere io un fanatico delle canzonette. L’artista è una cosa. La persona che esprime opinioni su fatti della politica, etica, storia è un’altra cosa. Posso apprezzare il cantante, ma non condividere le sue posizioni e opinioni, a maggior ragione se non sono neppure argomentate. Per caso il tuo ufficio, quello dell’Hasbara civile, ti ha trasmesso qualche argomentazione usata da Lucio Dalla a sostegno della sua propaganda israeliana? O era pagato per fare pubblicità ad Israele? Mi ricordo di quando cantava alle campagne elettorali del PCI. Lo pagavano... Questa tua ossessione per l’«amare» mi sembra davvero strana... Si ama in genere una donna, ma non si ama l’Italia, Israele, l’India... È un modo assai improprio, e direi morboso, di esprimersi. A me fa pensare subito male... Diglielo a quelli dell’Hasbara...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con quel "era pure omosessuanle Lucio Dalla" dici molto di te....
      Vedi tutti possono esprimere opinioni: certo se poi queste opinioni sono conformi alla vulgata che vuole che Israele è cattivo e i palestinesi sono buoni è meglio vero? Quindi un Dalla che parla a favore di Israele non capisce una mazza e chiunque altro parla a favore dei palestinesi conosce la verità. Tipico dei sinistrati pacifinti o sinisti pacifiniti fai tu...

      Elimina