Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

sabato 27 aprile 2013

25 aprile: festa dei palestinesi???

Non so se avete avuto modo di leggere quanto accaduto il 25 aprile a Roma e a Cagliari: bandiere palestinesi (una addirittura con il faccione di arraffatt) che sventolano felicemente durante la celebrazione della Liberzione del nostro paese dai nazifascisti.
Mi chiedo e vi chiedo: ma che c'entrano le bandiere palestinesi con il 25 aprile?
La Storia ci insegna che il Gran Muftì di Gerusalemme era amico personale di Hitler e Mussolini e si era dedicato con particolare solerzia all'arruolamento dei mussulmani di Bosnia nelle SS. Era dovuto fuggire in gran fretta da Gerusalmme perchè ricercato dagli inglesi a causa di una serie di attentati e aveva trovato rifgio a Berlino a casa dell'imbianchino pazzo, questo mentre il ciccione italiano bombardava Tel Aviv rea di essere abitata da ebrei.
Da ricordare poi che nel frattempo in Egitto nascevano le Camicie Verdi che si ispiravano alle SS e di esse faceva parte Sadat, il futuro presidente egiziano. Quindi non erano proprio dalla parte degli inglesi... quindi che c'azzeccano????
A Roma ci sono stati momenti di tensione quando degli arabi e fdegli italiani con bandiere palestinesi hanno insultato e tentato di venire alle mani con persone che sventolavano bandiere della Brigata Ebraica e di Israele: la democrazia per questa gente è un fatto relativo, loro possono portare le loro bandiere ma non tollerano quelle della Brigata che era venuta in Italia a liberarci dai nazisti. Altro fatto gravissimo, non è stata data la parola al rappresentate della Brigata Ebraica che avrebbe dovuto rivolgere un saluto e spiegare alla piazza cosa avevano fatto quei giovani ebrei partiti dal nascituro stato di Israele.
A Caglairi invece gli insulti sono stati ancora più veementi nei confronti deli rappresentati dell'Associazione Memoraile Sardo della Shoah e di Chenabura.
Siamo forse ostaggio dei palestinesi a casa nostra? Siamo forse nelle mani di gente che non conosce la storia recente del nostro paese e vuole dettare legge da noi stravolgendo la Verità?
NOI NON CI STIAMO!

VIVA LA BRIGATA EBRAICA!

16 commenti:

  1. Il mufti di gerusalemme sponsorizzava e aiutava i nazisti solo perché essi erano gli unici che avrebbero potuto aiutarlo a liberarsi degli inglesi a cui apparteneva la palestina. E gli arabi odiavano gli inglesi (inglesi a cui apparteneva anche l'egitto...è quindi da imputare a loro la diffusione di movimenti filo nazisti in medioriente)
    Inoltre la sua accusa a sadat mi sembra solo un caso di autolesionismo. Sadat è stato l'unico a scendere a patti con lo stato di israele, cosa che gli è costata la rottura delle relazioni con l'iran, gli insulti e le calugne di tutta la lega araba e, probabilmente, anche la morte (a cui khomeini ha aggiunto anche la beffa, considerando l'assassino di sadat eroe nazionale e nominando almeno una via di tutte le città iraniane con il suo nome).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio, lei dimostra di non conoscere bene la Storia. Il gran muftì ODIAVA gli Ebrei e AMMIRAVA l'imbianchino pazzo e il ciccione italiano (che tra l'altro fu l'unico a bombardare Tel Aviv). Detto individuo si prodigò per far arruolare i mussulmani bosniaci nelle maledette ss. Visitò i campi di sterminio e spronò hitler a finire il "lavoro".... quindi di cosa mi parla? Ancora oggi solo nei paesi mussulmani si pubblicano i Protocolli dei Savi di Sion e il mEin Kampf.... Solo hezbollah e hamas fanno marciare i loro uomini facendo il saluto nazista...

      Elimina
  2. Sig. Anonimo se visiita londra vedrà il monumento ai soldati caduti delle colonie che hanno aiutato gli inglesi in cambio dell'indipendenza. Le colonie che si volevano liberare degli inglesi hanno combattuto la guerra al fianco degli inglesi. Non mischi il suo amore per il nazismo con la sua ignoranza in storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche gli italiani hanno combattuto con hitler fino al 43...quindi sta dicendo che mio nonno e il mio bisnonno volevano stare con la germania, odiavano gli ebrei e amavano mussolini? Anche la repubblica di vichy ha combattuto con la germania...quindi sta dicendo che tutti i francesi della provenza e del sud della francia erano antisemiti.
      Pensa che gli egiziani che combattevano x gli inglesi lo avessero deciso loro? Pensa che gli abitanti delle colonie vedessero di buon occhio gli inglesi? Certo che NO!

      Elimina
    2. italiani e tedeschi hanno mandato al potere l'imbianchino pazzo e il ciccione. Erano nazisti e fascisti. O mi vuol far credere che erano TUTTI antifascisti!!! Le adunate oceaniche mica sono un sogno.... Se suo nonno e suo bisnonno erano fascsti sono cose che riguardano solo loro. I miei nonni non si sono iscritti al partito fascista nè sono entrati nella milizia. Sono state persone oneste che hanno anche aiutato gli ebrei e i soldati inglesi e americani che cercavano rifugio.
      Mi vuol far forse credere che erano tutti "incosapevoli di quanto accadeva? Gli italiani che VENDEVANO per cinquemila lire gli ebrei ai nazisti erano delle merde! E mi creda ce ne sono stati tanti che si sono arricchiti così e con le proprietà degli ebrei....

      Elimina
    3. Sig. Anonimo, l'Italia ha emanato le leggi razziali se lo è dimenticato? E se proprio vuole giustificare il soldato italiano perchè costretto... Beh non vale per i palestinesi che si sono uniti alle SS che non erano soggetti ad alcun obbligo militare ma si sono uniti volontariamente. È inutile poi difendere i nazisti.

      Elimina
  3. Continuo a pensare che quello che fanno gli israeliani non sia per niente onesto.

    Dal canto loro, non fanno nulla per dimostrare il contrario, e paiono spesso sempre più presuntuosi.

    Il governo di israele difficilmente potrà godere della stima di tanti popoli.

    RispondiElimina
  4. Sulla base di cosa continui a pensare questo????
    Cosa dovrebbero fare secondo te per dimostrare il contarrio? Farsi ammazzare tutti?
    Il governo di Israele dovrebbe permettere ai terroristi di entrare e trucidare tutti i suoi cittadini???
    Ma per piacere.... Parli di cose che non conosci, parli senza aver mai capito nulla di questo argomento.

    RispondiElimina
  5. Basterebbe, ad esempio, porre basi CONCRETE sulla pace e magari, ACCETTARE uno stato PALESTINESE.

    e invece no, sempre più insediamenti nei territori Palestinesi, sempre più territori Palestinesi occupati, sempre più morti civili tra i palestinesi.

    Il governo israeliano vuole eliminare il popolo Palestinese e prendersi tutto il territorio.

    Non molti giorni fa il governo israeliano si è arrabbiato con GOOGLE perchè ha riconosciuto la Palestina come uno Stato. (che vergogna!)

    Pubblica questo commento, se sei così coraggioso! Eliminandolo e cancellandolo dimostrerà la tua vigliaccheria ai miei occhi!

    Nel frattempo, se riesci, puoi indicarmi i confini di un ipotetico stato Palestinese?

    RispondiElimina
  6. Punto primo: a te non devo dimostrare proprio niente.
    Ma di quale vigliaccheria parli???

    Punto secondo: le basi concrete per la pace sono state dettate da mò!!! Solo che quei criminali di Fatah e i mafiosi dell'ANP non vogliono riconoscere ISraele come stato Ebraico nè vogliono garantire la sua sicurezza da attentati. Ma di quali insediamenti parli? VAi a vedere le percentuali di questi insediamenti e scoprirai che sono l'1% del territorio. Come mai da quando Gaza è stata evacuata i palestinesi non hanno pensato a edificare uno stato ma hanno pensato a spostare in avanti le rampre di lancio dei missili?
    La faccenda di Google che riconosce la Palestinea come stato sui domini è una cosa ridicola la pagina locale del motore di ricerca (www.google.ps) ha sostituito l'intestazione Territori palestinesi con una sola parola, in arabo e inglese: Palestina.
    Lo Stato però ancora non risulta sulle mappe online del colosso digitale, che restano ferme alla formulazione Cisgiordania, indicata da una linea tratteggiata senza confini definitivi tracciati. «Cambieremo il nome su tutti i nostri prodotti», commenta Nathan Tyler, portavoce di Google. Che spiega: «Prima della modifica, abbiamo consultato le organizzazioni internazionali: dall'Onu all'Icann, che definisce i domini Internet».
    Sabri Saidam, consigliere del presidente palestinese Abu Mazen, esulta per la decisione e la considera tra i primi risultati del voto all'Onu. Il riconoscimento diplomatico nel pianeta virtuale non piace invece agli israeliani. «Google non è un'entità politica — reagisce Yigal Palmor dal ministero degli Esteri — e i dirigenti possono scegliere di chiamare come preferiscono quello che gli pare: non ha valore. Detto questo, dobbiamo chiederci perché abbiano voluto prendere questa posizione e capire se una società privata abbia diritto di entrare in una questione così controversa».
    I confini di uno stato palestinese andranno concordati con lo stato confinante chiamato Israele, a questo serono i trattati e i colloqui di pace.

    RispondiElimina
  7. Innanzitutto constato che per adesso non stai censurando i miei commenti, quendi sembra che tu sia meno arrogante e presuntuoso di quello che sembra.

    Bene, intanto ad oggi il governo israeliano continua a pressare Google, ma possibile che questa cosa dia così fastidio? Considerando che lo stato israeliano esiste perchè il governo israeliano continua a mal sopportare l'idea di Google della parola Palestina?

    Se i processi di pace sono avviati da tanto tempo, puoi linkarmi qual'è l'esatto territorio con confini tracciati che il governo di israele ha destinato ai Palestinesi? No perchè, sai com'è, se non esiste una cosa del genere, o il governo israeliano non vuole uno stato Palestinese, oppure, senza di questo, le basi concrete di cui parli tanto, sono solo un fumo effimero!

    Spero che pubblichi anche questa, magari con risposte concrete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrogante è chi nega il diritto di Israele ad esistere in pace e sicurezza.
      Arrogante è chi non condanna il terrorismo palestinese.
      Il governo israeliano vuole che sia chiaro per tutti (a cominciare quindi anche da quelle che a te possono semrbare piccole cose) che lo stato palestinese può nascere solo dopo veri e sicneri colloqui di pace con Israele. I palestinesi devono rinunciare al terrorismo e al famigerato "diritto al ritorno" e riconoscere il diritto all'esistenza di Israele come stato ebraico (è l'unico al mondo quindi che male può fare?)
      I confini vanno discussi con Israele. Israele è disposto anche a scmbi di territori (cederebbe territori con villaggi, paesi e cittaidne arabe al controllo palestinese per avere in cambio il controllo sulle cittaidne abitate da ebrei)
      I confini erano stati tracciati già nel mnovembre del 1947 e gli ebrei lia vevano accettati. Sono gli arabi che hanno fatto la guerra e questa e storia non fantascienza. Se cerchi anche su questo blog torivi la caritna dell'epoca che certo non è più attuale alla vista della situazione dopo 65 anni....

      Elimina
  8. Tutti condannano gli atti di terrorismo, da qualsiasi parte essi vengano.

    Perchè il governo israeliano continua a mal sopportare la parola Palestina sul sito di Google? Una cosa è dire che lo stato palestinese si formerà solo dopo veri processi di pace, un'altra è rifiutare la parola PALESTINA. Paragonandola, in modo arrogante, tipico del governo israeliano, all'"isola che non c'è!" (ma il governo israeliano conosce anche solo un po di vergogna?)

    Beh, allora se i confini sono quelli ONU del 1947, israele non può far guidare il processo di pace da una forza internazionale al posto di massacrare civili palestinesi e risparmiare terroristi quando qualcuno prova a lanciare un razzo? Non capisco cosa si aspetti.

    Io penso che israele sia molto fortunata a star in medio oriente. Se al posto della Giordania ci fosse il confine con la Cina, credimi, nella zona palestinese-israeliana regnerebbe il silenzio e la pace, ma soprattutto molta meno arroganza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come riesci a conciliare i barbari atti di terrorismo di cui hanno dato chiari esempi i palestinesi (massacro di Heborn nel 29, strage di Maalot, massacro della strada costiera, stragi nei kibbutzim, nei bar, sugli autobus, nei ristoranti, nelle discoteche, la strage di Itamar, il massacro dellafamiglia Hatuel... devo continuare?) con le proteste israeliane per una azione arbitraria di Google che definisce uno stato che NON ESISTE al momento non lo capisco proprio.
      I palestinesi non "provano a lanciare razzi" i palestinesi BOMBARDANO Israele con i razzi!. Ma quale forza di pace vuoi mettere? Una tipo quella che ha permesso il riarmo di Hezbollah in Libano??? E Israele dovrebbe affidare la propria sicurezza a forze straniere? Ma per favore!!!! Israele è tutto meno che arrogante. Israele deve mostrare la propria forza per dissuadere i suoi nemici, o pensi che se Israele fosse stato senza esercito esisterebbe ancora?

      Elimina
  9. Caro christian devi sapere che il nostro amico è un convinto negazionista. Per lui i palestinesi non esiatono punto. Che diritti possono avere delle persone che non esistono? Israele deve garantire ai suoi cittadini il diritto di godersi il bottino rubato. Se per fare questo deve uccidere, detenere senza processo, costruire muri, sradicare alberi, impedire la pesca, praticare embarghi, compiere atti di pirateria in acque internazionali, abbattere case, attaccare preventivamente nazioni sovrane, bombardare aree densamente popolate con armi convenzionali e non, istituire ministeri della propaganda, impedire la vendita di una grossa fetta del bottino ai non ebrei, picchiare attivisti occidentali e talvolta arrotarli coi buldozzer..... beh, lo farà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che riesci a condensare in poche righe tutto il campionario della propaganda antiisraeliana di cui sei infarcito.... Io sarei negazionista di cosa scusa? I palestinesi per me esitono, sono loro che dicevano che non esistevano fino al 1974!
      Per il resto ti commenti da solo....

      Elimina