Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

lunedì 9 settembre 2013

Egitto: l’esercito ripulisce il Sinai. Intercettate armi destinate ad Hamas - See more at: http://www.rightsreporter.org/egitto-lesercito-ripulisce-il-sinai-intercettate-armi-destinate-ad-hamas/#sthash.g47cLhu4.dpuf

Secondo alcune fonti militari egiziane si tratterebbe della più grossa operazione militare nella Penisola del Sinai dai tempi della guerra dello Yom Kippur. L’esercito egiziano ha dato il via, con il consenso di Israele, a una operazione antiterrorismo su vasta scala che in due giorni ha portato all’uccisione di oltre 30 terroristi, alla cattura di decine di jihadisti e alla distruzione di diversi depositi di armi. Arresti anche lungo il confine con Gaza. Gli elicotteri egiziani hanno colpito una quindicina di obbiettivi terroristici mentre a terra colonne di blindati cercano di riprendere il controllo della Penisola del Sinai finita in mano ai gruppi terroristici legati ad Al Qaeda e ad Hamas (quindi alla Fratellanza Musulmana). Secondo alcuni rapporti dell’esercito sarebbero andate distrutte diverse case che ospitavano basi terroristiche. L’obbiettivo dell’esercito è ristabilire la legalità in Egitto e ridare fiato alla economia distrutta da un anno di governo della Fratellanza Musulmana. La Penisola del Sinai è particolarmente importante per l’economia turistica in Egitto che in 12 mesi ha subito un tracollo dell’80%. Giungono notizie di operazioni militari anche nel sud Egitto, nei pressi del confine con il Sudan, dove l’esercito egiziano avrebbe intercettato una colonna di armi dirette presumibilmente verso Gaza. 

Nessun commento:

Posta un commento