Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

sabato 21 settembre 2013

Soldato israeliano assassinato da un palestinese

Aveva solo 20 anni il sergente Tomer Hazan, ed è morto perchè israeliano, perchè giovane e perchè si fidava del palestinese con il quale aveva lavorato in un ristorante a Bat Yam.

Tomer Hazan

Lo Shin Bet e le forze speciali di polizia sono arrivate a casa del terrorista Nidal Amer di 42 anni del villaggio di Beit Amin e hanno capito che aveva ucciso il giovane militare allo scopo di usare il suo corpo in cambio della liberazione del fratello, membro dei Tanzim, detenuto in un carcere israeliano dal 2008 per coinvolgimento in attentati terroristici.
Dopo la segnalazione della scomparsa del militare venerdì sera, lo Shin Bet aveva messoin piedi una unità di crisi in collaborazione con le IDF.
Nello stesso tempo riceveva un rapporto secondo il quale il sodato scomparso aveva condiviso un taxi con Nidal Amer, residente a Beit Amin, un villaggio palestinese in Cisgirodania, verso Shaarei Tikva, una cittadina vicina alvillaggio.
Durante l'interrogatorio Nidal ha ammesso di aver convinto il soldato, con il quale aveva lavorato in un ristorante di Bat Yam, a viaggiare con lui verso la sua casa. Arrivati al villaggio, Nidal ha oprtato il soldato in un campo aperto e lo ha ucciso nascondendo poi il corpo in un pozzo.

Ecco con chi Israele deve fare la pace: con gente che è pronta a scannare i suoi figli per USARE i loro corpi per ottenere il rilascio di parenti terroristi!
In qualsiasi altro paese del mondo ci sarebbe stata una sollevazione popolare di fronte a un crimine così efferato, e si sarebbe invocato il pugno di ferro contro simili terroristi.
Gli israeliani dimostrano di avere troppa fiducia verso gli arabi con i quali convivono e purtroppo spesso è mal riposta.
In memoria di un ragazzo trucidato da chi aveva condiviso con lui anche le ore di lavoro.





Nessun commento:

Posta un commento