Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 23 marzo 2014

Iran, Khamenei torna all’attacco: “In Europa hanno paura di dubitare dell’Olocausto”

Teheran, 21 Marzo 2014 – In occasione del nuovo anno iraniano, l’Ayatollah Khamenei ha attaccato i paesi europei, che pretendono di essere “liberi”, ma dove “nessuno osa parlare dell’Olocausto”.
Secondo la Guida suprema dell’Iran “i paesi che pretendono di essere liberi hanno delle linee rosse e sono molto decisi nel difenderle”: “Nei paesi europei nessuno osa parlare dell’Olocausto (…). Non diciamo se è stato reale o meno, se c’è stato come è stato”, ha dichiarato nel corso di un intervento a Mashhad, prima città santa dell’Iran dove si trova il Mausoleo dell’Imam Reza, ottavo e più importante imam sciita.
Khamenei ha invitato inoltre alla resistenza di fronte all’”invasione culturale” dell’Occidente, in particolare per quanto riguarda il principio di libertà d’espressione. “Dubitare dell’Olocausto è considerato un grande errore, lo impediscono, arrestano chi lo fa e lo processano e pretendono di essere liberi – ha attaccato l’Ayatollah, sottolineando – e vogliono che noi non difendiamo le nostre linee rosse in termini di fede e valori rivoluzionari?”.
(Fonte: TMNews, 21 Marzo 2014)

Nessun commento:

Posta un commento