Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

sabato 31 maggio 2014

L'impianto di desalinizzazione di Sorek

Lo Stato di Israele sorge in una delle aree più aride del pianeta. La breve stagione invernale, l'unica ricca di pioggia, permette di sopravvivere solo se si mettono in atto pratiche di conservazione dell'acqua estremamente rigorose. Ma oggi, pur dopo uno degli inverni meno piovosi di sempre, la
situazione non è critica. Lo si deve soprattutto all'integrazione di diverse politiche di risparmio: il riciclaggio delle acque reflue per l'agricoltura, la custodia delle esigue sorgenti naturali e soprattutto la desalinizzazione, che ha compiuto passi fa gigante nell'ultimo decennio.

I DATI - Secondo l'ufficio meteorologico nazionale di Tel Aviv, nell'inverno 2013-2014 le piogge si sono attestate sul 50-60% della media.Eppure, come sostiene Avraham Tenne, responsabile dell'Autorità israeliana per la desalinizzazione dell'acqua, il paese mediorientale "ha tutta l'acqua che gli serve".
GLI IMPIANTI - Fin dal 2005 Israele ha accelerato le politiche volte a fornire acqua potabile dalla desalinizzazione di quella marina. Oggi circa il 35% di tutta l'acqua da bere proviene da lì. E si prevede di arrivare almeno al 40% l'anno prossimo, con l'obiettivo del 70% entro il 2050. Il più recente impianto di desalinizzazione, inaugurato nel 2013, è quello di Sorek, il più grande del mondo. Da qui proviene il 20% di tutta l'acqua pubblica israeliana. Sorto a circa 15 Km a Sud di Tel Aviv, succhia l'acqua marina attraverso due condotti del diametro di 2,5 metri ciascuno, che affondano le proprie bocche nel Mediterraneo. L'acqua viene poi filtrata e processata con processi osmotici e il sale derivato viene immesso nuovamente nel mare. Da questo impianto, costituito da una coppia di strutture gemelle, indipendenti l'una dall'altra, escono 624 mila metri cubi di acqua potabile ogni giorno, pari a 150 milioni di metri cubi d'acqua annui (150 miliardi di litri l'anno). Se con la desalinizzazione la sete sembra scongiurata, non si può comunque ignorare che gli impianti di questo tipo sono tra le strutture più energivore mai inventate dall'uomo.
Oggi Israele consuma il 10% dell'energia per alimentare il settore.

RISVOLTI POLITICI - Aver raggiunto l'indipendenza idrica costituisce per Israele una grande chance diplomatica. Le dispute sulla gestione delle sorgenti del Golan, conteso con gli stati vicini, potranno essere lasciate alle spalle. E la tecnologia messa a punto da Tel Aviv potrà dare slancio a simili iniziative industriali capaci di alleviare la sete dell'intero Medio Oriente. Sempre che l'acqua serva a innaffiare fiori di pace.

7 commenti:

  1. ma si,per il popolo eletto l acqua,mentre i palestinesi possono pure morire di sete...sono un popolo inferiore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. egregio ano.nimo, in base a cosa Israele è tenuto a spendere risorse per dissetare i palestinesi? Non potrebbero loro stessi costruire desalinizzatori invece di SPERPERARE MILIARDI DI DOLLARI DI AIUTI INTERNAZIONALI in bombe e razzi? Ma ci fai o ci sei? O ti disegnano così?

      Elimina
    2. come fanno ad usare le loro risorse se voi continuate a rubarle e ad occupare la loro terra?

      Elimina
    3. ma di cosa parli? Ma di quali terre rubate e occupate parli? Ma per favore.... Scommetto che anche per te il problema del m.o. è il 4% di terre degli insediamenti... Invece i razzi palestinesi e le famiglie israeliane sgozzate nel sonno no.... o le auto israeliane prese a sassate dai palestinesi vanno bene....

      Elimina
    4. a proposito di terre occupate,bel modo di rilanciare la pace annunciare la costruzione di 1500 insediamenti wow ecco la pace made in israel...poi per quanto riguarda le famiglie israeliane sgozzate nel sonno beh e un crimine che pero e fatto da oppressi contro oppressori,e come se gli ebrei in germania sotto hitler avesero strangolato una famiglia favorevole al regime nazista,insomma ci sono molte attenuanti e poi tutti i bambini che muiono sotto le bombe al fosforo a gaza...ipocrita!

      Elimina
    5. ano.nimo, te sei una persona con tanta confusione in testa e ti spiego perchè:
      in un post di impianti di desalinizzazione parli di costruzione di alloggi che secondo te ( o meglio secondo quelli che ti fanno il lavaggio del pensiero) sono alla base del falliemnto dei negoziati di pace. Quindi non ti sconvolge il terrorismo o i razzi (oltre diecimila con cui i palestinesi bombardano Israele da anni) ma il cemento su porzioni di territorio conteso (non occupato!) Il fatto che la famiglia Fogel (mamma, papà, tre bambini uno dei quali di pochi mesi) sia stato sgozzato nel sonno lo definisci un "crimine che pero e fatto da oppressi contro oppressori,e come se gli ebrei in germania sotto hitler avesero strangolato una famiglia favorevole al regime nazista,insomma ci sono molte attenuanti " Ma ti sei riletto lo schifo che hai scirtto??? NON ti sei vergognato???? E' un crimine sgozzare una bimba di 4 mesi???? Non è una mostruosità??? Un abominio??? Un orrore???? e quali sarebbero le "molte attenuanti"???? Fatto da oppressi contro oppressori dici ??? Una bambina di 4 mesi, e i suoi fratellini di pochi anni erano oppressori??? Ma de che cazzo parli ???? Mi paragoni uno sgozzamento a uno straongolamento???? Le bombe al fosforo sono una montatura palestinesi e solo un prevenuto come te ci crede ancora. Ipocrita sei tu, sepolcro imbiancato!

      Elimina
  2. azz.. pero' son forti sti israeliani! Sono in gamba!
    ciao
    Federico

    RispondiElimina