Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

venerdì 13 giugno 2014

All’istituto islamico si discute di diritti ma non è ammesso il professore israeliano

di Marco Ventura
Asher Maoz è uno dei più autorevoli studiosi di diritto ebraico, le sue pagine su diritti umani e religione sono una pietra miliare. Per la comunità scientifica internazionale, il professore di Tel Aviv è uomo di scienza, di dialogo e di dibattito. Ma per gli ebrei ultraortodossi è un laico che profana le fonti sacre; e per i musulmani radicali è un sionista in maschera accademica. Nel febbraio scorso un ente musulmano di cultura, il britannico Al-Mahdi Institute di Birmingham ha invitato Maoz a parlare in un convegno che si terrà in agosto. Maoz ha accettato. L’ Al-Mahdi Institute ha sfruttato la reputazione del professore per pubblicizzare l’evento. Poi, una settimana fa, la doccia fredda. Il consiglio d’amministrazione dell’istituto ha disdetto l’invito. Troppo forte la protesta, troppo energica la pressione di chi non vuole un illustre israeliano sul podio di un istituto islamico.
«La sua presenza», si legge nell’email inviata a Maoz, «minaccerebbe l’apoliticità dell’istituto e sposterebbe il fulcro dell’incontro dal tema diritti umani e religione al conflitto israelo-palestinese». La sua stessa persona, scrivono a Maoz gli organizzatori, si troverebbe in imbarazzo davanti alla contestazione. Insomma, conclude l’Al-Mahdi Institute, con Maoz in sala il congresso non potrebbe rappresentare uno «sforzo scientifico». Lo schema è tipico: da un lato una pavida élite musulmana vorrebbe ma non può, fa un passo avanti e due indietro; dall’altro un reticolo di violenti e di violenze oscura il pensiero. Ne risulta, come nel caso di Maoz, un mondo sottosopra. Il professore invitato si tramuta in molesto invasore. Lo studioso ostracizzato per la sua competenza diventa sinonimo di «non scientificità». La vittima della politicizzazione ne è infine il responsabile. E soprattutto, il minacciato si ritrova nei panni di chi fomenta il disordine.
Alla goffa disdetta, Asher Maoz ha risposto da signore: «volete dibattere di diritti umani e religione senza ebraismo? Buona fortuna». Non c’è altro da dire a una comunità islamica che deve uscire da sola dal suo mondo all’incontrario. Buona fortuna.
(Fonte: Corriere della Sera, 4 Giugno 2014, pag. 34)

Nessun commento:

Posta un commento