Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

venerdì 4 luglio 2014

La morte del ragazzo arabo a Gerusalemme

Con incredibile tempismo, è accaduto un fatto di una gravità immensa: un ragazo arabo di 17 anni è stato ucciso e bruciato in un bosco nei pressi di Gerusalemme. Come per incanto sono spuntate troupe televisive e frotte di giornalisti nella capitale israeliana radunati intorno alla casa del ragazzo. Hanno intervistato la madre, la sorella che in inglese malediceva gli ebrei, un tizio incappucciato che faceva una pausa dalle devastazioni che stava compiendo alla fermata della metro leggera e alla fitta sassaiola contro la polizia ha trovato il tempo di fare il suo proclama contro gli ebrei e Israele "colpevoli di aver ucciso il ragazzo (secondo lui/loro/la stampa)
Non so se ci avete fatto caso ma la stessa cosa non era accaduta per i tre ragazzi israeliani rapiti e trucidati a Hevron: nessuno si è recato a casa loro, ha parlato con le mamme, una ONG ha dovuto cedere il suo tempo a Bruxelles per permettere a una di loro di parlare e ottenere l'attenzione al tragico fatto.
Le indagini della polizia sono ancora in corso ed p meglio attendere prima di parlare, eppure tutti hanno subito accusato gli ebrei definendo questa morte una "vendetta" dei coloni.
Ora sembra che la famiglia del ragazzo sia una di quelle che "contano" nella malavita di Gerusalemme e che da tempo sia sottoposta ad attacchi da altre famiglie rivali.
Sembra inoltre che il ragazzo appartenesse alla comunità GLBT, cosa deplorevole per un mussulmano e che in precedenza era stato oggetto di aggressioni in famiglia e di un tentativo di rapimento.
Ora, in considerazione del fatto che per gli arabi la vita non vale nulla (sono loro che lo dicono e sono loro che lo dimostrano andando a farsi esplodere in mezzo alla gente) viene da pensare che il ragazzo sia stato "sacrificato" per la causa politica araba. In fondo è stato ammazzato un ragazzo indegno (l'omosessualità è condannata nei paesi arabi e perseguitata fino alla morte un po ovunque dalla Palestina, a Gaza all'Iran e all'Arabia Saudita). La sua morte è servita due volte: la prima a lavare l'onta della famiglia, e la seconda a scatenare violenze contro lo stato e a distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale dalla vicenda dei tre ragazzi israeliani rapiti e uccisi.
Mi auguro che le indagini siano rapide e dimostrino quanto adffermo, in caso contrario ossia in caso la raesopsnabilità di questo orribile assassinio sia da attribuire a fanatici ebrei, so per certo che la polizia fara di tutto pre trovarli e la giustizia li condannerà con la mssima severità.

4 commenti:

  1. Ma non ti vergogni di quello che scrivi?Semmai e vero il contrario:i media hanno parlato dei poveri ragazzini ebrei uccisi e quasi niente dell arabo bruciato vivo.
    Tu affermi che se per caso sono ebrei i colpevoli la polizia israeliana li arrestera comunque peccato che finora l eroica polizia israeliana ha fermato e picchiato a sangue il cugino della vittima...wow un bel modo per trovare i colpevoli...un applauso alla polizia israeliana per il gesto eroico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non ti vergogni tu delle cazzate che scrivi??? Come hai potuto vedere la polizia israeliana ha arrestato i sei responsabili dell'orribile omicidio del ragazzo arabo. Come volevasi dimostrare d'altrone, in uno stato di diritto, democratico e rispettoso delle leggi è così che avviene. Ora gradirei che ritrattassi le tue affermazioni false. Ma so che non avrai le palle per farlo, sei solo un guerriero da tastiera....

      Elimina
    2. ma non dovresti ritrattare tu? prima hai accusato i palestinesi della morte del ragazzo, ora che è provato che sono stati dei coloni non ti senti almeno in dovere di scusarti per le tue accuse?

      Elimina
    3. Nessuna accusa la mia: semplici ipotesi smentite poi dalla cruda realtà. Come ho scritto, l'orribile omicidio del ragazzo arabo è stato duramente condannato dal governo israeliano e la polizia israeliana in brevissimo tempo ha arrestato i responsabili del delitto.

      Elimina