Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

giovedì 4 dicembre 2014

Parigi sotto shock. Raid antisemita contro coppia di ebrei: lui picchiato, lei stuprata!

Parigi, 2 Dicembre 2014 – Francia sotto choc per una brutale aggressione a sfondo antisemita compiuta a Creteil, nella periferia di Parigi. Le vittime sono un giovane uomo di 21 anni e la sua fidanzata 19enne: lui è stato picchiato e derubato. Lei, invece, stuprata. Il motivo? La loro appartenenza alla religione ebraica.
I fatti risalgono a lunedì mattina, quando tre uomini incappucciati e armati di pistole hanno fatto irruzione nell’appartamento dei genitori di lui. Dopo un’ora e mezza di efferate violenze, gli aggressori sono fuggiti portando via gioielli, carte di credito e telefoni cellulari. Due di loro sono stati fermati e arrestati poco tempo dopo, mentre il terzo complice è riuscito a fuggire ed è ancora ricercato.
Secondo gli inquirenti si è trattato di un “attacco premeditato”. Gli stessi aggressori hanno dichiarato “di conoscere le origini ebraiche della famiglia” e dunque, come dichiarato dal ministro dell’Interno transalpino Bernard Cazeneuve, “il carattere antisemita dell’aggressione sembra confermato“.
(Fonte: L’Unione Sarda, 3 Dicembre 2014)

Nessun commento:

Posta un commento