Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

lunedì 23 marzo 2015

Due popoli due stati: quello che ha detto veramente il premier israeliano

“Quello che ho detto è che è irrealizzabile nelle attuali circostanze. Avevo indicato molto chiaramente quali sono le condizioni necessarie per una soluzione a due stati, nel mio discorso alla Bar-Ilan University del 2009, e non ho cambiato posizione: non ho affatto ritrattato quel discorso. Quello che ho detto è che l’attuazione di quella prospettiva non è possibile in questo momento [vista] la decisione della dirigenza dell’Autorità Palestinese lo scorso anno di stringere un patto con Hamas e i recenti sconvolgimenti in Medio Oriente come la guerra civile in Siria, l’ascesa dell’ISIS ed anche il controllo iraniano su Gaza. Non voglio una soluzione a un unico stato, ma certamente non voglio nemmeno una soluzione senza stato ebraico perché l’esistenza stessa di Israele sarebbe compromessa. Il problema cruciale non è solo dove saranno i confini, ma cosa vi sarà dall’altra parte di quei confini. Dobbiamo ritirarci perché si insedino islamisti sostenuti dall’Iran come è accaduto a Gaza, come è accaduto in Libano e come sta accadendo in altre parti del Medio Oriente?”. (Benjamin Netanyahu, intervista a NPR, 20 marzo 2015)

Nessun commento:

Posta un commento