Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

mercoledì 18 marzo 2015

Kadima Bibi!

Contro ogni previsione, contro ogni logica, contro Obama che ha remato contro anzi ha inondato di dollari i suoi avversari, Bibi ha stravinto le elezioni politiche 2015!
Già gongolavano i sinistri italioti e di mezzo mondo: il "regno" di Bibi per loro era finito, un'era tramontata e da dimenticare al più presto. All'orizzonte il duo monnezza Herzog-Livni foriero di chissà quali miracoli e soprattutto di una improbabile e disgustosa alleanza con i partiti arabi che certo non hanno a cuore lo stato di Israele. 
E invece con un colpo di coda il Leone ha rimesso a posto tutto, e soprattutto ha rimesso al loro posto tutti!
Ora si prospetta una strada difficile sul piano internazionale, con una amministrazione americana decisamente ostile (almeno fino a quando sarà sul trono il califfo Barak Hussein Obama) e complessa su quello interno con le tante risposte da dare ai cittadini in temi come le tasse, i servizi, lo stato sociale, il lavoro e soprattutto la sicurezza. Ma gli israeliani hanno votato e hanno scelto ancora lui per provare ad uscire fuori nel migliore dei modi da queste situazioni e sono convinto che la scelta sia caduta sull'unico candidato possibile.
Kadima Bibi!
Kadima Israele!
 
 

Nessun commento:

Posta un commento