Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

domenica 26 aprile 2015

25 aprile: le bandiere di chi ha realmente combattuto dalla parte giusta

Di Massimo Cingolani
“Forza Ebraica: gli ebrei vogliono combattere in quanto ebrei”. Poster per l’arruolamento nella Brigata Ebraica dell’esercito britannico (clicca per ingrandire)
Ci risiamo: si avvicina il 25 aprile ed iniziano le polemiche sulla presenza della Brigata Ebraica. A Roma i sui rappresentanti hanno deciso di non partecipare al tradizionale corteo; a Milano la scorteranno i militanti del PD, che cercheranno di evitare tensioni e contestazioni di faziosi, che purtroppo già ci sono state nella ricorrenza dell’anno scorso. Ma perché succede tutto questo? […]
Se partiamo da una valutazione storica, in particolare riguardo le celebrazioni del 70esimo della Liberazione, la presenza della Brigata Ebraica è più che giustificata. La Brigata fu inviata sul fronte italiano ed era composta da giovani più che motivati e con la stella di David sulla manica dell’uniforme, a dimostrazione che gli ebrei non erano solo vittime predestinate, ma che sapevano rispondere colpo su colpo.
Il battesimo del fuoco fu sul fiume Senio e nell’assalto al monte Ghebbio. Le perdite furono pesanti, tanto che il 14 aprile la Brigata ricevette l’ordine di fermarsi alla periferia di Bologna e di non proseguire. Il governo inglese era preoccupato di polemiche sull’uso di soldati ebrei come “carne da cannone”. Ecco perché non compare nella iconografia ufficiale della Liberazione.
Insegne della Brigata Ebraica
Insegne della Brigata Ebraica (clicca per ingrandire)
Comunque, se si dovesse ragionare con la stessa logica, è bene precisare che negli anni della seconda guerra mondiale i palestinesi correvano ad arruolarsi sia nelle SS, sia nei reparti di volontari arabi inseriti nel Regio Esercito. In Nord Africa gli arabi, inquadrati nell’Arabische Bataillon, parteciparono al rastrellamento di ebrei, rinchiusi nella sinagoga di Tunisi e che furono poi trasferiti in campi di lavoro. In generale l’interesse per il mondo arabo e musulmano dei nazisti era ricambiato, tant’è vero che nei rapporti che arrivavano dalla Palestina si diceva che “gli auguri per la vittoria di Hitler, che scaccerà gli ebrei, si usano come forma di saluto”.
Mostrine della 13esima Divisione SS composta da volontari musulmani
Mostrine della 13esima Divisione SS composta da volontari musulmani (clicca per ingrandire)
Per quanto riguarda invece l’attenzione di Mussolini, furono costituiti reparti di volontari provenienti dall’Iraq, dalla Palestina [sotto Mandato Britannico] e dalla Transgiordania, inquadrati nelle Camicie Nere; di particolare interesse è la divisa: le doppie fiamme nere sulle quali è posto il fascetto dorato sono sovrapposte alle mostrine rettangolari con i colori del nazionalismo arabo rosso, bianco, verde e nero, che richiamano l’attuale bandiera palestinese.
Roma e Berlino garantirono al Gran Muftì la costituzione di uno Stato nato dall’unione di Iraq, Siria, Palestina e Transgiordania, governato secondo le leggi della sharia. I giovani desiderosi di arruolarsi non mancarono, non furono assolutamente solo propaganda: ad esempio, un reggimento volontari tunisini camicie nere riuscì a respingere gli americani con 65 caduti, 96 dispersi e 161 feriti. Lo stesso reparto dopo l’8 settembre fu sciolto, gli ufficiali italiani aderirono alla Repubblica Sociale, gli arabi passarono direttamente con i tedeschi. Anche la divisione SS Handschar, voluta dal Gran Muftì di Gerusalemme, ebbe migliaia di caduti e diversi decorati. Inoltre è giusto precisare che i volontari provenienti da possedimenti coloniali inglesi e francesi, se catturati erano considerati disertori.
Maglietta in vendita su internet per moderni fan delle SS musulmane
Maglietta in vendita su internet per moderni fan delle SS musulmane (clicca per ingrandire)
Questo per rimarcare che strumentalizzare la storia, soprattutto quando si parla di atti fondanti la nostra Repubblica Italiana, è sempre molto pericoloso e soprattutto insopportabile dopo settant’anni anni, per cui è meglio che il 25 aprile, senza retorica, sventolino solo le bandiere di chi ha realmente combattuto dalla parte giusta.
(Da: arcipelagomilano.org, 22, aprile 2015)

 

Nessun commento:

Posta un commento