Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

mercoledì 27 maggio 2015

CALCIO: RAGAZZO ISRAELIANO SCONFIGGE LA LEUCEMIA E INCONTRA IL SUO IDOLO TOTTI.

Si sono scambiati le maglie come fanno i campioni in campo, ma Tomer Inbar non e' (ancora) un calciatore professionista, ha solo 13 anni, e la n. 10 di Francesco Totti l'ha ricevuta direttamente a Trigoria. Il capitano della Roma, d'altronde, messo al corrente della storia del ragazzo israeliano - tornato a giocare dopo aver lottato contro a leucemia - si e' subito attivato per esaudirne il deside...rio, ovvero incontrare il suo idolo nel mondo del calcio.
Per Tomer insomma la visita al centro sportivo giallorosso, e il tempo trascorso nell'ufficio personale di Totti, sono stati un sogno.
Al giovane nel marzo del 2014 era stata diagnosticata una leucemia che lo ha costretto a lasciare sia la scuola sia il calcio, che praticava indossando la maglia dell'Hapoel Herzliya. Dopo un trattamento aggressivo, presso l'ospedale pediatrico di Tel Aviv, a settembre e' stato trovato un donatore compatibile che ha permesso il trasferimento in un'altra struttura (l'ospedale Schneider di Petah Tikva, dove ha passato due lunghissimi mesi in assoluto isolamento) per il trapianto di midollo osseo. A febbraio di quest'anno poi ecco la vittoria piu' grande: il ritorno sui banchi di scuola e, sostenuto dai compagni di squadra, anche quello in campo.
Un ritorno che, complice la tournee in Italia (a Milano) della sua squadra per una serie di amichevoli, ha permesso a Tomer di esprimere un desiderio: vedere dal vivo il suo idolo calcistico, Francesco Totti. Detto, fatto. Durante l'incontro il giovane ha spiegato di giocare da terzino destro (nel ruolo adora Dani Alves, e per questo ha scelto il n.22 come l'esterno del Barcellona), poi i due si sono scambiati le rispettive maglie con nome e autografo. Al termine poi Totti, a nome del Maccabi Italia e della Federcalcio israeliana (organizzatrici e promotori dell’iniziativa), e' stato invitato in Israele, e a visitare la Sinagoga Maggiore e il Museo ebraico di Roma. (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento