Il popolo palestinese: un'invenzione assoluta!

Un dirigente dell'Olp, Zahir Muhsein, dichiarò a un giornale olandese nel 1974:



"il popolo palestinese non esiste,
il popolo palestinese è stato creato per ragioni strategiche in funzione antisionista, ma non appena avremo conseguito la distruzione di Israele non aspetteremo un solo momento ad unirci al popolo arabo di cui facciamo parte."



O.rganizzazione N.on U.tile

“Se l’Algeria inserisse nell’ordine del giorno all’ONU una risoluzione secondo cui la terra è piatta, e che è Israele ad averla appiattita, tale risoluzione passerebbe con 164 voti a favore, 13 contro e 26 astensioni” (Abba Eban, 1975)

Antisionismo è antisemitismo!

"Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei..." M.L. King

Documentazione sulla Siria

L'attivista siriano per i diritti umani Muntaha Al-Atrash, intervistato il 4 aprile scorso dal quotidiano arabo edito a Londra Al-Sharq Al-Awsat, ha dichiarato: "Ogni volta che chiediamo libertà e democrazia, ci dicono che il nostro scontro con Israele è più importante delle meschine questioni interne."

CERCA NEL BLOG

Translate this page

Pallywood

Loading...

Sempre con Israele!!!

Sempre con Israele!!!

Lettori fissi

lunedì 15 giugno 2015

Estate 2014: Hamas fu l’aggressore e la causa delle vittime civili - 2

Un gruppo multi-nazionale di ex alti ufficiali e politici ha pubblicato venerdì scorso le proprie conclusioni, secondo le quali durante l’operazione Margine Protettivo “Israele non solo ha soddisfatto un ragionevole standard internazionale di osservanza delle leggi dei conflitti armati, ma in molti casi ha superato notevolmente quello standard”.
A differenza della commissione del Consiglio Onu dei Diritti Umani, accusata di pregiudiziale faziosità, il gruppo di personalità in questione, tra cui degli ex capi di stato, ha potuto contare sulla cooperazione di Israele sia a livello politico che militare. Il gruppo si è avvalso di undici personalità provenienti da Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Spagna, Italia, Australia e Colombia guidate dal generale tedesco Klaus Naumann, ex capo di stato maggiore della Bundeswehr e presidente del Comitato Militare NATO. Fra i componenti del gruppo, l’ex ministro degli esteri italiano Giulio Terzi, l’ex ambasciatore itinerante del Dipartimento di Stato Usa per i crimini di guerra Pierre-Richard Prosper, l’ex comandante delle forze britanniche in Afghanistan, colonnello Richard Kemp.
“La nostra missione in Israele non ha precedenti – ha detto il gruppo riassumendo le proprie conclusioni – Siamo il primo gruppo multi-nazionale di questo tipo a visitare il paese. Ci è stato concesso un livello di accesso al governo israeliano e alle Forze di Difesa israeliane che non era stato concesso a nessun altro gruppo: dal primo ministro Benjamin Netanyahu e dal ministro della difesa Moshe Ya’alon fino ai comandanti incaricati di condurre la battaglia sul campo”.
Il gruppo dice di essere a conoscenza delle accuse di crimini di guerra mosse a Israele, ma afferma di essere arrivato alla conclusione opposta secondo cui Israele, al contrario, aveva cercato per mesi di evitare il conflitto nonostante subisse lanci di razzi sui civili, e infine è stato costretto a combattere una guerra difensiva. Il gruppo definisce invece chiari crimini di guerra ad opera di Hamas il mirare deliberatamente ai civili israeliani e l’uso di civili palestinesi come scudi umani. “Hamas – dice il rapporto – non ha fatto nessuno sforzo per sgomberare i civili, ed anzi vi sono casi documentati di civili costretti a rimanere o tornare nei luoghi dove erano preannunciati attacchi israeliani”.
 
Gaza, 20 luglio 2014: civili palestinesi (nei cerchi, i bambini) concentrati sul tetto di un edificio dopo il colpo d’avvertimento con cui le Forze di Difesa israeliane avevano preannunciato di doverlo attaccare in quanto obiettivo militare
 
 
Un comunicato ufficiale con cui il “ministero degli interni” di Hamas dice ai civili di non prestare attenzione ai preannunci di attacco delle Forze di Difesa israeliane e di non sgomberare gli edifici (dalla pagina Facebook del ministero degli interni della striscia di Gaza, 10 luglio 2014)
Un comunicato ufficiale con cui il “ministero degli interni” di Hamas dice ai civili di non prestare attenzione ai preannunci di attacco delle Forze di Difesa israeliane e di non sgomberare gli edifici (dalla pagina Facebook del ministero degli interni della striscia di Gaza, 10 luglio 2014)
 
 
“Riteniamo che in generale le forze israeliane abbiano agito in modo proporzionato, come richiesto dalle leggi dei conflitti armati, e spesso siano andate al di là dei principi giuridici di proporzionalità, necessità e differenziazione – si legge nel rapporto del gruppo – Spesso le misure adottate sono state molto superiori a quanto richiesto dalle Convenzioni di Ginevra, tanto da essere costate a volte vite israeliane. In una certa misura queste procedure hanno anche compromesso l’efficacia delle stesse operazioni militari israeliane dando respiro a Hamas, che poteva così riorganizzarsi e rifornirsi. Siamo d’accordo con il capo di stato maggiore degli Stati Uniti, generale Martin Dempsey, che a seguito di una missione d’inchiesta del Pentagono in Israele ha detto lo scorso novembre che nel conflitto di Gaza dell’estate 2014 Israele si è sforzato in modo straordinario per limitare danni collaterali e vittime civili”.
Il rapporto dice che il conteggio dei morti palestinesi in quei 50 giorni deve tener conto anche di decessi non correlati con i combattimenti e di quelli legati ad errori e falliti attacchi della stessa Hamas. Oltre a questi, il rapporto riconosce che vi sono stati civili palestinesi uccisi a causa di errori di valutazione o di conduzione da parte israeliana, ma riconosce anche che “la maggior parte di questi decessi sono stati la tragica fatalità che deriva dal doversi difendere contro un nemico che effettua deliberatamente attacchi dall’interno della popolazione civile. Quindi per la grande maggioranza delle morti a Gaza della scorsa estate dobbiamo considerare responsabili Hamas e i suoi alleati terroristi in quanto aggressori e utilizzatori di scudi umani”.
(Da: YnetNews, Jerusalem Post, 13.6.15)

Nessun commento:

Posta un commento